Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Albertosi: "Chimenti? Meglio di Lobont"

Albertosi: "Chimenti? Meglio di Lobont"
giovedì 9 marzo 2006, 09:122006
di Appi .
fonte LA NAZIONE
L'ex portiere contro i numeri uno stranieri: «La scuola italiana vanta i migliori preparatori ma...»

Ricky Albertosi non capisce e non si adegua. Non capisce come mai in Italia sia dilagata questa mania dei portieri stranieri e non si adegua perché vorrebbe invece un veloce ritorno alla vecchia scuola italiana.
«Prendiamo la prossima partita tra Cagliari e Fiorentina - spiega l'ex numero uno della Nazionale messicana - tra Chimenti e Lobont non c'è proprio gara, è troppo più bravo l'italiano».
Non è che il suo giudizio così severo risente del grave errore di domenica scorsa?
«No, quella è una cosa che può accadere a tutti. E' successa a me, a Zoff, insomma pure ai migliori è capitato di beccare un gol da polli. Il fatto è che quasi tutti i portieri stranieri hanno fortissimi difetti di impostazione, lo si vede molto bene sui fondamentali. Ma sa alla fine qual è la loro fortuna?».
No, dica pure.


«E' che qui in Italia trovano i più forti preparatori al mondo del ruolo e allora migliorano sensibilmente. Sto parlando di quelli che hanno le qualità, naturalmente. Come Dida o come Frey, che prima dell'infortunio era stato il migliore del campionato».
E Lobont cosa potrà fare?
«Migliorare, su questo non ci sono dubbi. Però, ad essere sincero, ho qualche perplessità sul suo modo di stare in porta. Resta troppo sulla linea, ma io spero per il bene della Fiorentina che si tolga alla svelta questo brutto difetto».