Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Brescia, Maran: "Sotto il piano umano non ci siamo proprio"

Brescia, Maran: "Sotto il piano umano non ci siamo proprio"
domenica 5 marzo 2006, 21:242006
di Ilario Imparato

Aziendalmente ''la cosa ci sta'' ma sul piano umano ''non ci siamo proprio''. Sono amaramente pacate nei toni ma non per questo meno sferzanti le considerazioni di Rolando Maran, allenatore esonerato dal Brescia mentre la squadra e' al quinto posto ed e' reduce da tre vittorie nelle ultime quattro gare, per far posto a Zdenek Zeman. Maran ha scelto di affidare ad un comunicato le sue parole. Un esonero improvviso: ''Non posso certo dire che me l'aspettavo e che quindi la notizia non mi abbia colto di sorpresa. Debbo riconoscere pero' che, come e' stato un diritto del presidente Corioni assumermi, rientra purtroppo nelle sue facolta' anche quella di licenziarmi. Aziendalmente, dunque, nulla da dire, la cosa ci sta, al di la' di tutto''. Poi Maran entra nel merito della decisione presa da Corioni: ''Mi si accusa - scrive - di una mentalita' poco compatibile con gli obiettivi del Calcio Brescia (promozione diretta senza play off). Vorrei far notare che i numeri non sono di grande sostegno a questa tesi. Lasciando agli archivi l'inizio stagione, per molti motivi difficile e travagliato (una retrocessione da metabolizzare, infortuni di giocatori fondamentali, impegni internazionali dei nostri calciatori stranieri piu' rappresentativi, che sono mancati in piu' gare di campionato, ecc.) e affidandoci invece a riferimenti piu' recenti e quindi piu' oggettivi, ricordo solo che a partire dalla 20/a giornata, ultimo turno in cui eravamo ancora esclusi dai play off, abbiamo collezionato 21 punti, esattamente uno in meno dell'Atalanta, unica squadra a fare meglio di noi.

Il dibattito su questo tema dunque per me e' chiuso e lascio ad ognuno la liberta' di interpretare, valutare e fare ipotesi''. Maran lascia poi trapelare le sue emozioni e la sua delusione, tutta umana: ''Del mio esonero ho avuto comunicazione informale dal team manager stamani alle 8.30, con l' anticipazione che mi avrebbe successivamente chiamato il presidente. Dalla tarda mattinata pero', telegiornali, agenzie e info su internet mi hanno diffusamente anticipato i temi dell' ampia discussione, che ha accompagnato il mio esonero. Lascio immaginare lo sconcerto nell'apprendere solo da fonti indirette le motivazioni del mio licenziamento. Alle 15.30 ho avuto finalmente l'annunciata telefonata del presidente. Peccato che nel frattempo avessi saputo pure del grande disagio provato dallo stesso sul piano umano. E qui mi dispiace, ma i conti non tornano. Sul piano umano e, quindi, sul conseguente rispetto del prossimo non ci siamo proprio. Su questo tema a me hanno insegnato altre cose''.