Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Chi è Paolucci, il nuovo mediano della Fiorentina

Chi è Paolucci, il nuovo mediano della Fiorentina
giovedì 9 marzo 2006, 17:432006
di Appi .
fonte di Andrea Pratellesi per violanetwork.it

In seguito al grave infortunio occorso a Pazienza la Fiorentina si è trovata a corto di mediani: Prandelli sembra aver individuato in Andrea Paolucci, centrocampista della Primavera prelevato dal Pescara a gennaio, l'elemento giusto per colmare questo vuoto.
Che tipo di giocatore è Paolucci? Nessuno meglio di Cetteo Di Mascio, tecnico della Primavera del Pescara che lo ha allenato per cinque anni, può descrivere le sue caratteristiche: «Andrea è un centrocampista bravo sia in fase di interdizione che in fase di costruzione di gioco; oggi di giocatori con questa grande peculiarità se ne trovano pochi. Sa usare entrambi I piedi e salta bene di testa, inoltre è in grado di leggere anticipatamente le situazioni tattiche. E' un centrocampista completo, certo dovrà maturare ma va ricordato che è un giovane dell'86».

Qual è la sua collocazione tattica?
«In chiave tattica è molto bravo, può giocare come mediano destro o sinistro in un centrocampo a tre ma anche come organizzatore di gioco sempre in un centrocampo a tre, oppure come secondo centrale in un centrocampo a quattro».

Secondo lei è pronto per un eventuale debutto in serie A?
«Quest'anno ha giocato tre partite in B entrando in momenti topici, e pure in pochi minuti ha fatto vedere di che pasta è fatto. Secondo me può essere pronto per far parte della prima squadra, è uno dei pochi giovani italiani in grado di ben figurare in quel ruolo».

Un grande affare dunque per la Fiorentina...
«Corvino ha fatto benissimo a comprarlo anche perché il ragazzo ha delle qualità morali eccellenti; è un giocatore importante e non sarà una meteora, se la fortuna lo aiuta potrà giocare a grandi livelli fino a 36 anni».