Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Di Canio mette in mora la Lazio

Di Canio mette in mora la Lazio
domenica 24 settembre 2006, 00:522006
di Alessio Calfapietra
fonte "Fabrizio Marchetti per Il Tempo"

Di Canio mette in mora la Lazio. La raccomandata, che ha aperto la vertenza arbitrale in Lega Calcio, è arrivata in società dieci giorni fa: il numero nove, dopo la querelle dialettica di luglio, ha deciso di richiedere formalmente l'adempimento degli impegni economici per i due mesi di stipendi arretrati (maggio e giugno) che il club non gli ha ancora corrisposto. La Lazio deve a Di Canio circa 40 mila euro e la questione, in base alla lettera scritta dall'avvocato Bordoni, è finita sul tavolo della Lega per una «messa in mora arbitrale». La società, fino a oggi, si è appellata alla possibilità di corrispondere la cifra entro fine ottobre, come previsto dal regolamento. Alla lettera di Paolo Di Canio fa da contraltare quella della Lazio, che precisa di essere addirittura creditrice nei confronti del numero nove della Cisco. Il club ha infatti inviato una lettera in Lega per sottolineare che è il giocatore a dover corrispondere alla società una cifra totale che si aggira intorno ai 45 mila euro.
Nella missiva, la dirigenza biancoceleste fa sapere di richiedere all'ex tesserato tutti i soldi delle multe, che ammontano a 12.500 euro per il 2004-2005 (comprensivi dell'ammenda per il derby vinto 3-1 e dei 2500 euro legati all'espulsione in Lazio-Bologna vinta 2-1 proprio con gol dell'attaccante) e a 27 mila euro per la passata stagione (20 mila euro per i saluti romani, 2 mila per un'espulsione contro l'Inter in Coppa Italia, 5 mila per le frasi anti-Trefoloni).

Un braccio di ferro praticamente inedito, che si arricchisce della richiesta di soldi per il materiale S.S. Lazio: 6 mila euro come corrispettivo di maglie griffate «Di Canio» regalate dal giocatore ai tifosi.
Ora la questione è sul tavolo della Lega, che dovrà convocare le parti entro ottobre. Il codice di giustizia sportiva (articolo 7, comma 4) prevede ammende e punti di penalizzazione in caso di mancata regolarizzazione della posizione nei termini e in questo caso si parla di fine ottobre. Lo scontro ormai è totale.