Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

ESCLUSIVA TMW - Sebino Nela: "Da seguire Mondiali e valzer di panchine"

ESCLUSIVA TMW - Sebino Nela: "Da seguire Mondiali e valzer di panchine"
venerdì 31 marzo 2006, 19:372006
di Ilario Imparato

Tuttomercatoweb continua nelle sue esclusive, raccogliendo le opinioni di Sebino Nela, noto commentatore sportivo, nonché astuto conoscitore di calciomercato nazionale ed estero.
Nela si è pronunciato in tema di Nazionale italiana, di Champions League e di trame di mercato.

Sebino, per cominciare, esprimici la tua idea in materia di Mondiali, passando per le cruciali convocazioni.
I nostri Mondiali non possono prescindere dalla presenza di Francesco Totti; pedina fondamentale, la cui assenza potrebbe costare molto a Lippi.
Quanto alle convocazioni, direi che i nomi da tener in considerazione sono tantissimi. In primis Pippo Inzaghi: è uno di quelli che tengono alta la squadra, giocano sul filo del fuorigioco, guadagnano calci piazzati importanti e tengono sempre in ansia i centrali avversari. Poi, non dimenticherei i nomi di Panucci, di Oddo e di Liverani. Ma sarà sempre il tecnico a scegliere e ad assumersi le conseguenti responsabilità".

Capitolo Champions League. Panoramica generale...
Io ho assistito dal vivo sia alle partite dell'Arsenal che a quelle del Barcellona. Gli spagnoli sono incredibili; possono trasformare ogni partita in una potenziale goleada, e sono i favoriti di diritto. Anche i gunners mi sono piaciuti molto, e la Juventus ne sa qualcosa. In attacco non ti danno mai punti di riferimento, e non sono inferiori alle squadre italiane, cosi come i meno informati sostenevano.
Il Milan avrà a San Siro un compito arduo che lo vuole per forza di cose obbligato a vincere contro un Lione che gioca davvero un buon calcio. Quanto all' Inter, invece, la vedo davvero dura perché il Villareal è una squadra molto ostica tra le mura amiche, e segnando un gol in casa dei nerazzurri ha parzialmente ottenuto quanto sperato".

Per chiudere, un occhiata generale al mercato. Cosa accadrà?
Moltissimo dipenderà dai Mondiali. Saranno la vera vetrina del prossimo calciomercato.
Prevedo molte panchine danzanti. Credo che Novellino andrà via da Genova, cosi come Papadopulo da Palermo. Capello alla Juve non è piu' una certezza matematica, cosi come forse non lo è Reja a Napoli. Probabilmente Zamparini farà un tentativo per Novellino, mettendogli a disposizione ciò che quest'anno non ha avuto con Marotta. Alias risorse umane ed economiche. La panchina blucerchiata è un' altra panchina scottante, e non so da chi potrà essere occupata. Si fa il nome di Del Neri, ma l'ex Chievo e ex Palermo lo vedrei meglio sulla sponda genoana. A Napoli dovrebbe restare Reja, ma credo che tutto sommato il contatto con Mario Somma ci sia stato davvero".

Da esperto di calcio internazionale, chi vedresti sulla panchina del Real Madrid?
Diciamo pure che il nome credo di conoscerlo già, ma è troppo presto per svelarlo. Sicuramente non è uno di quelli citati nella lista madrilena, né tantomeno di un nome italiano.

© Riproduzione riservata