Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Messina: squadra e tecnico in cerca di conferme

Messina: squadra e tecnico in cerca di conferme
venerdì 15 settembre 2006, 18:332006
di Carlo Larini
Dopo la vittoria al debutto con l'Udinese, trasferta ad Ascoli per il team di Giordano. Il tecnico, che recupera alcuni elementi, ricorda le stagioni ascolane.

Prima trasferta di campionato per il nuovo Messina targato Giordano. Dopo la convincente prestazione con vittoria al debutto ai danni dell'Udinese di Galeone, i peloritani viaggiano alla volta di Ascoli per un match tutto da gustare.
I marchigiani infatti, sono feriti dalla bruciante sconfitta patita in quel di Bergamo e davanti ai propri sostenitori vorranno iniziare a far punti. A Messina però pare iniziato un nuovo corso: il pubblico, inizialmente tiepido,(vedi campagna abbonamenti) sta pian piano tornando vicino alla squadra. Certo, la retrocessione di pochi mesi fa non può essere cancellata, ma come detto il nuovo corso intrapreso da Bruno Giordano pare stia dando buoni frutti. Anzitutto un clima diverso in seno alla squadra; sembrano scomparsi i brusii e le lamentele che facevano capolino nella passata stagione, tutti allineati e coperti, si rema nella stessa comune direzione. Un nuovo spirito di gruppo, una comunione d'intenti, non solo professata ma anche realizzata nei fatti, a giudicare dalle prime positive esibizioni in Coppa Italia ed in campionato.


Ascoli in questo senso rappresenta un buon test: la squadra di Tesser, rivelazione dello scorso torneo con Giampaolo al timone, si presenta estremamente rinnovata. Persi alcuni elementi chiave come Domizzi, Foggia, Guana, Parola, Paci, si affida alla promessa juventina Paolucci ed alla voglia di riscatto di alcune vecchie conoscenze, Pecchia e Del Vecchio su tutti.
Il Messina di Giordano sale al Del Duca con l'organico quasi al completo: torna disponibile Iliev che scontata la squalifica, si ripropone per un posto da titolare dopo un precampionato sfavillante; abile e arruolabile anche il giapponese Ogasawara che ottenuto il transfert, è ormai un tesserato a tutti gli effetti.
Recuperati a tempo di record anche gli acciaccati Iuliano ed Alvarez. Insomma imbarazzo della scelta per il tecnico che difficilmente però cambierà uomini e modulo che tanto bene hanno impressionato alla prima al S.Filippo: "Finalmente ho quasi tutto l'organico a disposizione, manca solo Floccari che presto tornerà disponibile e mi consentirà altre soluzioni offensive". L'ex tecnico del Catanzaro torna anche ai suoi trascorsi in terra marchigiana: "Ascoli evoca in me felici ricordi, erano gli anni di Costantino Rozzi, una persona straordinaria che è stato anche mio testimone di nozze; Ascoli inoltre per me rappresenta un ricordo importante perchè nella partita con l'Atalanta realizzai il mio centesimo gol in A. Ma domenica sarà battaglia, loro vengono da una sconfitta e faranno di tutto per regalare una vittoria ai loro sostenitori, prevedo quindi una gara molto difficile".