Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Riva tra sfide del passato e Mondiali di Germania

Riva tra sfide del passato e Mondiali di Germania
martedì 7 marzo 2006, 19:232006
di Appi .
fonte Radio Blu

Gigi Riva interviene a Radio Blu per ricordare i trascorsi del grande attaccante a Cagliari e il recente impegno con la Nazionale di cui è accompagnatore ufficiale: "La partita con la Germania è stata meravigliosa, i problemi di qualche anno fa sono stati superati alla grande. Noi abbiamo la casa della Federazione a Coverciano, giocare a Firenze ci farebbe risparmiare anche tanto. Io frequento il centro tecnico dal 1962 e sono ancora qui adesso". Si passa quindi ai ricordi e ai tanti gol segnati alla Fiorentina. "Ne ho segnati tanti, è vero. Cagliari e Fiorentina erano due società incoscienti che andarono a disturbare le grandi del nord. Noi sentivamo l'arroganza che veniva da loro e reagivamo alla nostra maniera.

Quando vincemmo su rigore fischiato da Lo Bello, la gente si infuriò e io aspettai negli spogliatoi mangiando panini e fumandomi un paio di sigarette. Ricordo che mi marcava Rogora, fu un duello maschio ma leale. Anche allora c'erano dei difensori cattivi e io ne so qualcosa, ma l'infortunio fa parte del calciatore che ha gloria, denaro e deve esserci un briciolo di rischio. Rogora era cattivo, duro sul campo ma non entrava per far male". Si ritorna infine all'attualità: "Toni è straordinario per la sicurezza che ha nei suoi mezzi e può essere un grande protagonista dei Mondiali. Non so come andremo, ci sono delle buone premesse per fare bene, ma ricordatevi che i Mondiali o li vinci o sei nessuno, alla fine conta solo chi vince la Coppa come non successe a noi messicani".