Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Sandreani: "L'arma della Fiorentina dovrà essere il contropiede"

Sandreani: "L'arma della Fiorentina dovrà essere il contropiede"
giovedì 30 marzo 2006, 15:302006
di Appi .
fonte di L.Cellini per violanetwork.it

Mauro Sandreani è uno dei commentatori più apprezzati nel panorama televisivo italiano e più volte in questa stagione si è trovato a commentare le partite della Roma guidata da Luciano Spalletti nelle Coppe. A lui abbiamo chiesto un'analisi tecnico tattica dell'importante sfida che attende la Fiorentina domenica prossima allo stadio Franchi proprio contro la formazione giallorossa. "Luciano Spalletti quest'anno ha compiuto un vero e proprio miracolo tecnico - esordisce a Violanetwork Sandreani - Se Ancelotti qualche anno fa fu bravo a trovare una nuova collocazione tattica a Pirlo, Lippi a Zambrotta, il tecnico della Roma ha rivoluzionato molte cose date per certe nel calcio. Ha dato non solo una fisionomia di gioco alla Roma, ma anche un carattere ed una spinta emotiva che gli ha permesso di raggiungere il record di undici vittorie consecutive. La rivoluzione è il fatto di aver attaccato con un arma come le ripartenze, o più volgarmente il contropiede. Ha canalizzato la forza dell'attacco in più giocatori, rivalutando caratteristiche tecniche nella rosa dei suoi uomini.

Ecco perchè penso che l'arma giusta per la Fiorentina sia quella di attaccare la Roma, ma negli spazi e copiando il modo di giocare che hanno adesso Mancini e compagni. Spero di vedere in campo una formazione viola sbilanciata, perchè ogniqualvolta ci sono tanti uomini che possono andare in rete nella Fiorentina, questa ottiene il massimo dei risultati. Sono convinto che l'atmosfera del Franchi condizionerà la partita e che sulle fascie si vedranno duelli decisivi. Il giocatore che ruberei ad una delle due squadre sarebbe Toni nella Fiorentina e Mancini nella Roma, anche se l'incognita di come verranno recuperati gli infortunati nel club giallorosso, ad esempio Chivu e De Rossi, potrebbe rivelarsi determinante. Meritano la qualificazione alla prossima Champions League tutte e due le squadre".