Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW A CALDO - Torino, Zaccheroni: "Cambierò fino a quando non troverò gli equilibri che cerco"

TMW A CALDO - Torino, Zaccheroni: "Cambierò fino a quando non troverò gli equilibri che cerco"
domenica 24 settembre 2006, 20:142006
di Claudio Cordova

Quando si presenta in sala stampa, Alberto Zaccheroni è certamente più sereno rispetto ai giorni precedenti: "Come allenatore ho il dovere di capire la squadra. Nelle prime tre giornate abbiamo raccolto meno di quello che abbiamo seminato, per cui capisco che la squadra si sia, in un certo senso, accontentata del pari e io ci ho messo comunque del mio, non premendo forte sull'acceleratore. Siamo alla ricerca di un equilibrio e credo che oggi si siano visti dei miglioramenti". Mister, si aspettava la Reggina che poi ha visto in campo? "Ho visto tutte le partite che la Reggina ha disputato fino a oggi. E' una squadra molto tenace che non molla mai, per cui essere riusciti a fare una buona partita contro la Reggina, in trasferta, è molto positivo per noi. Credo anzi che il Torino sia stata la squadra che è riuscita a mettere più in difficoltà la Reggina, fino a oggi. Sul piano del gioco, abbiamo fatto girare bene la palla, abbiamo creato tanto, soprattutto nel primo tempo. Loro ci hanno messo in difficoltà con delle mischie pericolose, con dei lanci lunghi a cercare una volta Bianchi, l'altra Amoruso, ma noi, coprendo bene il campo abbiamo fatto sì che loro non riuscissero ad accorciare". Arrivano poi le domande che riguardano gli aspetti tattici: "Dobbiamo imparare a conoscerci. Il Torino è una squadra che ha cambiato molto, dobbiamo comunicare meglio per cercare di accorciare i tempi di intesa". Prosegue Zaccheroni: "Io cerco di preparare sempre tutte le situazioni che possono verificarsi all'interno di una partita.

E' chiaro che la Reggina cercava disperatamente di far sua l'intera posta, per cui mi aspettavo una squadra così offensiva fin dal primo minuto". Il tecnico viene incalzato sui troppi errori in fase di realizzazione: "Non mi preoccupano. Se riusciamo ad arrivare in zona gol, nonostante il periodo non proprio felicissimo, allora le cose possono comunque migliorare. Ci manca solo un po' di convinzione". Sostituiti sia Rosina che Fiore, bocciatura? "Nessuna bocciatura. Avevano speso molto, erano in debito d'ossigeno e siccome il mio organico mi permette di poter effettuare dei cambi, ho preferito usufruire di calciatori freschi". Zaccheroni afferma che il Torino è ancora in fase di rodaggio: "Noi stiamo facendo in campionato quello che le altre squadre anno fatto in estate. Io sono alla ricerca degli equilibri e cambierò modulo e giocatori fino a quando non avrò trovato gli equilibri che cerco". A Zaccheroni viene anche chiesto un giudizio sull'arbitro Brighi di Cesena: "Io credo che l'arbitro di oggi sia destinato a diventare uno dei migliori in futuro. E' fiscale sicuramente, ma questo può essere un difetto, ma anche un pregio".