Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

ESCLUSIVA TMW - Rimini, Matri: "Il Milan? Un sogno irraggiungibile"

ESCLUSIVA TMW - Rimini, Matri: "Il Milan? Un sogno irraggiungibile"
martedì 20 marzo 2007, 18:422007
di Francesco Graffagnini

Felice sorpresa dell'ultimo sabato del torneo cadetto con una straordinaria doppietta inflitta al Brescia di Cosmi che l'ha confermato uno degli attaccanti più promettenti del panorama calcistico italiano, Alessandro Matri (22), a margine della consueta seduta pomeridiana di allenamento si è gentilmente concesso ai nostri microfoni.

Alessandro impossibile non partire dalla bellissima doppietta di sabato che vi ha permesso di sbancare il 'Rigamonti' e restare ad un punto dal Piacenza in piena zona play off...
"Già. Era importante vincere per non perdere di vista le altre e per fortuna ci siamo riusciti in casa di una formazione tra l'altro in netta ripresa. Poi chiaramente sono ancora più contento perché la vittoria è arrivata proprio da due miei gol, i primi in B. Soddisfazione doppia quindi".

Primi gol in B per te infatti: che emozione è stata?
"Sul primo c'è stata davvero una bella emozione. Posso confessarvi che ho scaricato un po' di tensione proprio per la voglia di far gol e di sbloccarmi. Poi addirittura è arrivato anche il secondo e quasi non ci credevo. Una giornata splendida insomma che non dimenticherò facilmente".

Diciamo quindi in sostanza che il mister Acori ti ha dato fiducia schierandoti dal 1' e tu l'hai ripagato alla grande
"Effettivamente è proprio così (ride, ndr). Sono riuscito a ripagarlo alla grande ma come ho sempre detto io cerco di sfruttare al meglio le possibilità che mi vengono date ma è chiaro che non è sempre che riuscirò a rispondere così...!".

Come vedi invece le chances promozione del Rimini?
"La squadra è stata allestita con l'ovvio obiettivo di lottare almeno per i play-off quindi fin dall'inizio giocavamo con un occhio alle zone nobili della classifica che però ora più che mai ci obbliga a continuare a credere seriamente a questo traguardo, per questo proveremo a far più punti possibili nelle restanti partite".

Tornando a parlare di te: fondamentali per la tua carriera, immaginiamo, le due esperienze in C1 con le maglie di Prato e Lumezzane, è così?
"Purtroppo ho vissuto di fatto due retrocessioni però sicuramente mi sono servite per fare esperienza tra i professionisti e a confrontarmi meglio adesso in B".

In Riviera la concorrenza non manca con Moscardelli e Ricchiuti e ci risulta infatti che a Gennaio sei stato vicino al trasferimento e si parlava addirittura di un interessamento del Siena: puoi confermarcelo?
"Sì. Ho ricevuto diverse proposte dalla Serie C e dalla Serie B e poi quella dei bianconeri però, insieme al Milan, abbiamo deciso di restare qui a Rimini provando a sfruttare nel migliore dei modi le possibilità che avrò da qui a fine stagione, declinando l'opportunità di finire in Toscana".

A proposito del Milan: a Rimini sei soltanto in prestito perché il tuo cartellino è appunto di proprietà del club di via Turati, la tua aspirazione quindi non può che esser quella di vestire in futuro il rossonero...
"Certo ma sinceramente, essendo realista, rimane giusto un sogno e dubito fortemente che un sogno del genere un giorno potrà avverarsi".

Proprio in rossonero, in primavera, tuo compagno che ti ha seguito poi anche a Prato era quel Mattia Dal Bello scomparso in un incidente stradale due anni fa... che ricordo porti con te di lui?
"Già. Con Mattia avevo condiviso lo spogliatoio sia nelle giovanili del Milan che poi appunto a Prato quando poi tristemente se n'è andato e visto che eravamo grandi amici lo porto sempre con me e non lo dimenticherò mai".

© Riproduzione riservata