Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Fiorentina: per Comotto c'è l'interessamento dei viola

Fiorentina: per Comotto c'è l'interessamento dei viola
lunedì 1 gennaio 2007, 12:332007
di Appi .
fonte La Gazzetta dello Sport
Il cartellino dell'esterno appartiene alla Roma.

Su Gianluca Comotto si è rivolto l'interesse della Fiorentina. Prandelli già dallo scorso anno ne aveva intuito le qualità sia come laterale nella difesa a quattro, sia come esterno di centrocampo, il ruolo che sta svolgendo adesso nel modulo di Zaccheroni. Comotto, che potrebbe anche meritarsi una chance azzurra da Donadoni, è in forza al Torino, ma di proprietà della Roma. La sua quotazione è fissata intorno ai 3 milioni e mezzo di euro. Il Torino lo ha avuto la scorsa estate in prestito fino al giugno 2007 per 300 mila euro, più il pagamento dell'ingaggio che si aggira intorno ai 700 mila euro netti.

Un ingaggio importante, un contratto firmato con la Roma fino al 2009 che lo ha riavuto dopo l'ottimo campionato ad Ascoli.
Cosa è successo a Roma? Comotto, che ha svolto una parte di preparazione coi giallorossi, crea problemi (solo tecnici) a qualche senatore e così si è scelto per il bene di tutti di spedirlo a Torino dove aveva già giocato due buoni campionati di A (dal 2001 al 2003). Cairo ha in mano il pallino perché a giugno, in virtù dell'accordo con la Roma rileverà a un milione e 300 mila euro la metà dell'esterno, ma l'altra metà potrebbe essere acquisita dalla Fiorentina che sta trattando con la Roma. Comotto è ben lieto di essere la bandiera del Torino, ma vuole certezze, visti i troppi spostamenti, e sogna un grandissimo club, la possibilità di giocare in Europa nel momento in cui è arrivato al massimo della maturità.