Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juventus: con l'Amburgo è ancora beffa, 1-0

Juventus: con l'Amburgo è ancora beffa, 1-0
mercoledì 1 agosto 2007, 23:462007
di frama
fonte Datasport

La Juventus ha perso per 1-0 l`amichevole con l`Amburgo: e` la seconda sconfitta stagionale. Dopo la debacle domenicale con il Newcastle United, Claudio Ranieri rivolta l`undici titolare come un calzino. Fuori Buffon, Jorge Andrate, Tiago, Almiron, Iaquinta e Trezeguet, dentro Belardi, Boumsong, Nocerino, Zanetti, Del Piero e Palladino. Gli undici titolari di tre giorni fa non scendono in campo dal 1`, e le cose migliorano.

La retroguardia bianconera, impostata su una linea a quattro guidata dai partenti Legrottaglie e Boumsong e integrata sulle fasce da Birindelli e Chiellini, tiene. E all`HSH Nordbank Arena la Juventus rischia solo su una punizione di Van der Vaart a inizio gara. In compenso, Del Piero e gli stessi Boumsong e Criscito sfiorano la rete nel primo tempo.

Nella ripresa inizia la solita girandola di cambi, ma viene effettuata non dai bianconeri quanto dai tedeschi. Il tecnico di casa rivoluziona la squadra, mentre Ranieri opta per la prima sostituzione all`80`, quando Almiron subentra a Zanetti. Poi la beffa. All`85` Choupo-Moting trova il varco giusto e batte Belardi per il gol partita: 1-0. Per i bianconeri, dopo due vittorie e la prima sconfitta, e` il momento del secondo ko stagionale giunto per mano della bestia nera tedesca. Una volta era Magath a dare dispiaceri, questa volta e` stato il turno di Choupo-Moting. Se non altro la posta in palio rispetto alla sfida del 1983 era decisamente minore.