Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Manfredonia-Foggia: aggredito giornalista foggiano

Manfredonia-Foggia: aggredito giornalista foggiano
domenica 25 marzo 2007, 18:502007
di Mario Ciampi
fonte www.teleradioerre.com

Il giornalista dell'emittente televisiva di Foggia "Teleradioerre", Antonio Di Donna, di 25 anni, è stato aggredito al termine della partita Manfredonia-Foggia disputatasi oggi allo stadio della città sipontina, e conclusasi con il risultato di 1-1. Una decina di persone, presumibilmente tifosi del Manfredonia, subito dopo l´ingresso dei giocatori negli spogliatoi, hanno aggredito il giornalista con calci e pugni. Di Donna si è accasciato a terra e ha perso conoscenza. Subito soccorso, è stato condotto all´ospedale di Manfredonia dove gli è stato riscontrato un trauma cranico. Il giornalista è stato sottoposto ad alcuni controlli; poco fa è stata eseguita anche la TAC; le sue condizioni sarebbero tuttavia in via di miglioramento. Al pronto soccorso si sono subito recati il direttore dell´emittente, i dirigenti della squadra sipontina e il sindaco di Manfredonia Paolo Campo.

Unanime la condanna del gesto. Il presidente del Manfredonia Calcio Angelo Riccardi ha personalmente incontrato Di Donna e ha espresso viva condanna per episodi che nulla hanno a che fare con lo sport e ha assicurato che la società si attiverà per far sì che fatti come questo non accadano più. Il pronto soccorso intanto è presidiato dalla Polizia che ha subito avviato le indagini. Qualche minuto prima dell´aggressione ai danni di Di Donna, ignoti avevano spintonato anche il giornalista della Rai Sergio De Nicola che aveva appena terminato la radiocronaca in diretta, disposta da Prefettura e Questura per motivi di ordine pubblico.