Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Pato: "Non mi sento un grande colpo"

Milan, Pato: "Non mi sento un grande colpo"
martedì 7 agosto 2007, 19:472007
di Ilario Imparato

Entra nel vivo il sogno di Alexandre Pato, che oggi ha mosso i suoi primo passi a Milanello: per lui test atletici e l'abbraccio con i nuovi compagni di squadra. Ma per il primo allenamento bisognera' aspettare settembre, quando il giovane brasiliano tornera' definitivamente in Italia. A quell'epoca il suo potrebbe non essere piu' l'unico acquisto estivo del Milan: Adriano Galliani infatti non ha ufficialmente chiuso il mercato in entrata, e addirittura sembrerebbe sopravvivere ancora l'ipotesi Ronaldinho. Jeans stinti e polo bianca, il 17enne brasiliano e' arrivato al centro sportivo rossonero mentre Kaka' e compagni erano a tavola per il pranzo. Ad attenderlo una cinquantina di tifosi, di fronte ai quali Pato ha pronunciato quelle poche parole che va ripetendo da quando e' sbarcato a Malpensa due giorni fa: ''Qui e' un sogno, ma non mi sento un grande colpo di mercato''. Parole umili, dietro cui l'ex talento dell'Internacional di Porto Alegre nascondeva forse l'emozione di incontrare uno come Ronaldo, idolo per una vita e ora futuro partner d'attacco. ''Non deve avere nessun timore - ha detto di lui Alberto Gilardino, che giovedi' volera' in Spagna con i compagni per l'amichevole contro il Betis Siviglia - Ha grandissime qualita', bisogna lasciarlo lavorare con grande tranquillita', senza mettergli nessuna pressione. E' gia' un grande giocatore e in questo ambiente potra' diventare ancora piu' grande''. La giornata di Pato era iniziata con le visite mediche di idoneita' all'attivita' agonistica.

Poi il brasiliano, che nelle scorse settimane ha giocato il Mondiale Under 20 e qualche partita del campionato brasiliano, si e' sottoposto si test atletici sul tapis roulant con i preparatori del Milan Lab. Solo poche ore, ma tanto e' bastato per confermare le ottime impressioni riferite da suo padre, Geraldo Rodrigues, che nei mesi scorsi aveva voluto visitare di persona Milanello prima di dare il beneplacito al trasferimento del figlio. Pato, che domani dopo una visita alla sede di via Turati partira' alla volta del Brasile, e' atteso di nuovo a Milano il 3 settembre, l'indomani del suo diciottesimo compleanno. Allora comincera' ad allenarsi regolarmente con la squadra, anche se fino a gennaio potra' giocare solo le amichevoli. Intanto il mercato del Milan potrebbe non essere chiuso. ''Preferisco non rispondere'', ha detto sornione Galliani interpellato sul tema. Un'espressione dietro cui potrebbe celarsi il piano per strappare Ronaldinho al Barcellona, o semplicemente la consapevolezza che Ancelotti necessita di qualche innesto. Sfumata l'ipotesi del difensore Barzagli (''Non andro' via dal Palermo'', ha detto oggi), si potrebbe mettere mano al centrocampo dove le seconde linee (vedi Gourcuff) ancora non danno affidamento. E soprattutto, se si sbloccasse la trattativa con il Real Madrid per Julio Baptista, dare spessore a un reparto offensivo tanto forte quanto fragile.