Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Napoli, Lavezzi: "Voglio diventare l'idolo del San Paolo"

Napoli, Lavezzi: "Voglio diventare l'idolo del San Paolo"
domenica 19 agosto 2007, 13:292007
di Gianpaolo Ettorre
fonte sscnapoli.it

"Dedico la tripletta alla mia famiglia e ai tifosi del Napoli". La mattina seguente del "Lavezzi day" è un bellissimo giorno di sole, dentro e fuori, per l'argentino. Tre gol tutti insieme e pesantissimi contro il Pisa hanno messo Ivan Ezequiel Lavezzi direttamente sulla copertina patinata di azzurro.
Napoli ha finalmente trovato l'idolo che cercava da anni?
"Magari - sorride il 'Pocho' - sarebbe un sogno. Ma adesso è prematuro trarre giudizi. Abbiamo giocato solamente due partite di Coppa Italia sinora. Certo, sarebbe bellissimo essere un punto di riferimento per questi tifosi che mi stanno riempiendo di affetto dal primo giorno che sono arrivato. Però adesso ci aspettano gli impegni seri di campionato e bisognerà dimostrare di essere all'altezza a cominciare dalla prima giornata contro il Cagliari".
Intanto, però, Napoli non vedeva una tripletta di un suo bomber da 14 anni. L'ultimo fu Fonseca nel 1993...
"Beh sono contento. Ma a me interessa soprattutto fare bene per la squadra. A me piace giocare per i compagni, mettermi a disposizione del gruppo, fare assist. Poi è chiaro che segnare è la cosa più importante e bella nel calcio e spero di poter fare quanti più gol è possibile .

Ma ciò che desidero maggiormente è fare risultati insieme ai miei compagni. Sono io che mi devo adattare al gioco di squadra e non viceversa".
A proposito di squadra, come vedi il Napoli proiettandoti nel futuro?
"Stiamo crescendo. Questo solo posso dire per ora. Ed è importante. Stiamo affinando l'intesa ed i risultati cominciano a vedersi. Nn siamo ancora al massimo della condizione ma l'importante sarà essere al top per l'inizio di campionato. Contro il Cagliari al San Paolo sarà un test davvero difficile".
Intanto te ne vai in Nazionale. L'Argentina giocherà ad Oslo il 22. Questi 3 gol sono un bel biglietto da visita, no?
"Sì, ma è ovvio che l'importante per me è fare bene qui a Napoli. E poi di conseguenza essere considerato un uomo da Nazionale. Mi piacerebbe fare bene anche con l'Argentina in Norvegia e ripagare la fiducia del tecnico. Sempre, però, se mi capiterà di giocare...".