Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Preside Agropoli: "Minacciato di morte dopo aver invitato Moggi"

Preside Agropoli: "Minacciato di morte dopo aver invitato Moggi"
mercoledì 24 gennaio 2007, 18:512007
di Claudio Cordova
fonte Ansa

''Per aver invitato Luciano Moggi, ho ricevuto anche minacce di morte''. A sostenerlo e' il preside dell'Istituto Tecnico Commerciale di Agropoli (Salerno), Michele Nigro, a poche ore dalla decisione dell'ex dg della Juventus di declinare l'invito del preside ad incontrare gli studenti della scuola salernitana. ''Negli ultimi giorni - prosegue Nigro - ho ricevuto alcune telefonate minatorie dal contenuto molto esplicito. Se l'incontro con Moggi si fosse svolto, mi e' stato detto al telefono, mi sarebbe accaduto qualcosa di molto brutto''.

Nigro spiega che l'annullamento dell'appuntamento, che si sarebbe dovuto tenere nell'aula magna del istituto commerciale il 9 febbraio, era ormai quasi inevitabile. ''C'era il rischio concreto che la scuola diventasse uno stadio. C'era la volonta' da parte di alcuni scalmanati di trasformare l'esterno dell'istituto in curve da stadio - dice - La scuola, luogo di cultura e di riflessione, di associazionismo e incontro di idee diverse, rischiava di trasformarsi in terreno di scontro in nome di bandiere calcistiche opposte''. ''Sono profondamente amareggiato e anche stupito - conclude il preside - Evidentemente, il calcio, in Italia, scatena i sentimenti piu' bestiali, e questo la dice lunga sul grado di incivilta' raggiunta dal nostro paese, che spesso preferisce i processi sommari a quelli delle aule giudiziarie''.