Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW A CALDO - Palermo, Stefano Colantuono: "Non penso ad aggiustamenti di mercato"

TMW A CALDO - Palermo, Stefano Colantuono: "Non penso ad aggiustamenti di mercato"
lunedì 27 agosto 2007, 01:022007
di Francesca Patanè

Il tifo da stadio (appunto) degli oltre 32.000 tifosi che hanno riempito gli spalti del Barbera e che ha accompagnato senza soluzione di continuità i due tempi della prima partita di Campionato del Palermo non è bastato a scoraggiare la grande Roma di Luciano Spalletti: forte (più forte), fortunata (più fortunata) e con quel fuoriclasse di Francesco Totti, che resta un fuoriclasse anche se non ha segnato e che è stato lasciato troppo solo e libero di scorazzare sul campo.
Due a zero il risultato, non bugiardo, tutt'altro, nonostante la jella dei due tempi palermitani, quando una traversa (nel primo) e un clamoroso palo (nel secondo) hanno impedito ai rosanero di Stefano Colantuono di violare la rete dei romanisti. "Troppa riverenza nei primi venti minuti", ha chiosato in sala stampa dopo la partita il numero uno Alberto Fontana, preferito ancora una volta a Chicco Agliardi.
Probabile, ma è anche vero che - come ha detto il mister - se il primo goal non fosse arrivato dopo appena tre minuti forse il corso della partita
sarebbe stato diverso.


Magra consolazione, certo, specie alle prime battute di una nuova stagione.
Ma nonostante il risultato, nonostante i limiti che la squadra del patron Zamparini ha evidenziato sul campo, nonostante i necessari interventi su cui si dovrà riflettere, il nuovo tecnico non pensa ad aggiustamenti di mercato. "Io gioco coi giocatori che ho", ha detto deciso.
Auguri, mister Colantuono.