Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese, Floro Flores: "Non pongo condizioni"

Udinese, Floro Flores: "Non pongo condizioni"
mercoledì 1 agosto 2007, 19:192007
di Ilario Imparato

"Non pongo condizioni sono a Udine per svolgere tutti i compiti che mi chiede l'allenatore, voglio fare bene, voglio sfruttare tutte le opportunita' che avro' per mettermi in luce". Per Antonio Floro Flores la concorrenza per il ruolo di punta centrale e' decisamente agguerrita e lui si candida a fungere pure da attaccante esterno, ruolo in cui e' stato utilizzato sovente nelle ultime amichevoli. "Sto lavorando sodo, ho faticato all'inizio, non lo nego, ho subito le conseguenze alla seconda uscita stagionale, ma ora tutto va per il meglio, nel rispetto della tabella di marcia di lavoro. Sono contento". Floro Flores parla anche del calendario della nuova stagione, presentato ieri. "E' bello e difficile. I primi due avversari in trasferta sono Inter e Juventus, ma io credo che quest'anno il cammino sara' ancora piu' complicato, non esistono avversari facili, per cui dobbiamo solamente badare ad allenarci con professionalita', come stiamo facendo sin dal primo giorno".

Alla seconda giornata l'avversario sara' il Napoli, la citta' di Floro Flores. "Gia' e la squadra dove ho iniziato a giocare. Riaffioreranno ricordi sicuramente belli, ma sono un professionista, spero di vincere, e' ovvio". Poi si sofferma sui suoi nuovi compagni: "Chi mi ha sorpreso? Michele Paolucci, piu' di Asamoah, piu' di Quagliarella dato che questi due li conoscevo gia'. Paolucci e' molto bravo nel dialogare con i compagni, nel tenere palla, nel calciare a rete, nello smarcarsi. Oltretutto va considerato che e' giovane e che ha ampi margini di miglioramento".