Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Alberto Zaccheroni fa il punto sul campionato

Alberto Zaccheroni fa il punto sul campionato
venerdì 19 settembre 2008, 18:372008
di Appi .
fonte Il Sussidiario
«Ancelotti non rischia, è uno di famiglia». Il punto sul Campionato

Alberto Zaccheroni in questa intervista concessa in esclusiva a ilsussidiario.net analizza i punti forti e i punti deboli delle quattro grandi "sorelle" del Campionato: Inter, Milan, Juve e Roma.
In particolare sul futuro di Ancelotti e del Milan dice che «Ancelotti ha un vantaggio: è uno della famiglia e per questo non corre alcun rischio e ha tempo per lavorare. Questo per un allenatore è un grosso vantaggio».
Capitolo Inter. «E' una squadra che va a strappi, ma è normale visto che Mourinho sta cercandodi sviluppare un'idea e deve far bene sia in Champions che in campionato. Il modulo mi lascia alcune perplessità. Sono tre gli aspetti. Il primo è legato all'impostazione del centrocampo.

Con un centrocampo a tre in Italia siamo abituati a vedere un regista che detta i tempi di gioco, come Liverani lo scorso anno con la Fiorentina o Pirlo con il Milan. La seconda perplessità è sugli esterni d'attacco. Solitamente i due attaccanti laterali servono per dare ampiezza alla manovra offensiva, Mourinho per il momento, invece, non sfrutta questa privilegio e li tiene molto stretti. Il terzo punto è Ibrahimovic. Il giocatore predilige il ruolo di punta centrale perchè così calamita tutti i palloni, ma io personalmente l'ho visto meglio quando girava al largo di una punta-boa. Così, a mio avviso, l'Inter fa più fatica a produrre le azioni»
Sul suo futuro ha concluso: «ho avuto delle proposte quando le squadre stavano vagliando i nuovi allenatori, ma poi non abbiamo trovato un accordo. Adesso il campionato è appena iniziato e non mi piace prendere le squadre in corsa»