Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Anticipo A: Roma-Reggina 2-0

Anticipo A: Roma-Reggina 2-0
domenica 10 febbraio 2008, 08:012008
di Appi .
fonte ANSA - ansa.it

Una Roma ancora convalescente dal 3-0 di Siena piega la Reggina con le reti di Panucci e Mancini, una per tempo. Ma per lunghi tratti, specie nel secondo tempo, appare lontana dalla forma migliore, quella che le servirà per affrontare il Real Madrid in Champions. Ed in parte deve ringraziare l'atteggiamento della formazione calabra, che regala la prima frazione con un atteggiamento rinunciatario, facendosi schiacciare da una Roma che marcia a velocità ridotta. Salvo poi correre ai ripari dalla ripresa inserendo con colpevole ritardo Makinwa ed Amoruso. E i due attaccanti danno alla Reggina punti di riferimento ed una marcia in più.
Il minimo risultato con il massimo sforzo. E' il primo tempo della Roma che chiude gli avversari nella loro metà campo praticamente senza soluzione di continuità. Ma se chiude in vantaggio lo deve solo ad un calcio piazzato, al 21', ben sfruttato di testa da Panucci. Il difensore, da posizione non facile, infila Campagnolo sfruttando al meglio un cross di Totti. E molta della responsabilità pesa sulle spalle di Vigiani che, invece di buttarlo via, cerca di giocare un pallone fino a causare l'angolo da cui nasce la rete.
La Roma parte a testa bassa e pur senza brillare mette gli avversari all'angolo. Ulivieri si sbraccia, urla, ma i suoi sono sempre in nove dietro la linea della palla. E quando sconfinano nel territorio giallorosso non indovinano più di tre passaggi di fila. Questo però non facilita il lavoro di Totti e compagni, che solo al 13' impegnano per la prima volta Campagnolo. De Rossi serve Mancini ed il suo tiro è deviato in angolo. Il
capitano lotta, corre, tira ma conferma di non attraversare un buon momento. E nella ripresa sarà sostituito. Ci prova anche in rovesciata, ma il tiro si spegne sull'esterno della rete.
La Reggina dà segni di vita verso la metà del tempo con una doppia conclusione di Brinza.

La prima esce innocua, la seconda (27') da 30 metri è centrale e Doni para senza problemi. Ancora Totti, al 34', spreca l'ultima occasione deviando a lato di testa un bel cross dalla sinistra di Aquilani.
Ulivieri cerca di dare più peso al suo attacco ed in avvio di ripresa toglie l'inconcludente Ceravolo per dare spazio a Makinwa. Poco dopo è il momento di Amoruso per Vigiani. La punta, all'11' sfruttando un traversone di Modesto impegna Doni in angolo. Ora le parti sembrano invertirsi. E' la Roma ad apparire timorosa, a metà tra la voglia di chiudere l'incontro e la paura di subire le folate reggine. Makinwa, con il suo solo peso fisico, dà più profondità alla manovra, ben spalleggiato da Amoruso e dalle discese di Modesto e Missiroli.
Spalletti toglie lo spento Taddei e rinforza il centrocampo con Tonetto. Ma è ancora la Reggina pericolosa, al 21', con il colpo di testa di Valdes che anticipa Cassetti. La palla esce di un soffio. Gli ospiti trovano anche il gol (23') ma sul tiro da fuori di Barreto, Amoruso è in fuorigioco e sulla traiettoria.
Nel momento di maggior sofferenza, la Roma trova il raddoppio con una grande azione di Giuly. Il francese entra in area, si beve tre avversari, ed impegna Campagnolo. Sulla respinta Mancini ha il riflesso pronto ed infila il 2-0. Al 32' la Reggina va vicina al 2-1 con il palo colpito da Makinwa. Finisce con un paio di tentativi da lontano di Aquilani e De Rossi, senza esito. La Roma si prende i tre punti, il frutto migliore della serata.