Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Capello: "L'incarico di ct inglese? Quello più difficile di sempre"

Capello: "L'incarico di ct inglese? Quello più difficile di sempre"
giovedì 8 maggio 2008, 17:482008
di Stefano Sica

Anche per un uomo dell'esperienza di Fabio Capello gli esami non finiscono mai. Per lui il ruolo di ct dell'Inghilterra rappresenta l'incarico più difficile ed affascinante mai affrontato prima. "Quello di ct dell'Inghilterra è l'incarico più difficile della mia carriera. E forse sarà l'ultimo da allenatore. Il fatto che i club dominino in Europa e la nazionale no è il problema che devo risolvere e che hanno avuto tutti i miei predecessori. Spero di riuscire a capire perché le cose stanno così e trovare la soluzione, perché se guardiamo alle prestazioni delle squadre inglesi in Champions allora, in questo momento, la Premier League è il miglior campionato del mondo. Il giocatore della Premier più grande in assoluto? E' una scelta difficile tra Cristiano Ronaldo e Torres, anche se accanto a loro inserirei un altro giocatore che ha avuto una stagione fantastica: Fabregas.

Un tetto agli stranieri? Non tocca a me decidere, ma ovviamente più calciatori inglesi giocano nelle squadre di Premiership, meglio è per me. D'altro canto, però, è anche un bene vedere ottimi giocatori inglesi che riescono a giocare nonostante il grande numero di stranieri, perché significa che la qualità viene fuori. Credo che i giocatori fuori dal campo debbano comportarsi con dignità e normalità, senza fare cose che possano creare problemi o titoli da prima pagina. Di solito non mi faccio influenzare dal comportamento fuori dal campo, ma se qualche giocatore la combina grossa e fa qualcosa fuori dall'ordinario devo tenerlo in considerazione. In campo, invece, non mi piacciono le entrate imprudenti e il gioco pericoloso, ma ancora meno la simulazione perché si cerca deliberatamente di imbrogliare l'arbitro e anche i tifosi".