Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Christian Recalcati: "Lettera aperta a Massimo Moratti"

Christian Recalcati: "Lettera aperta a Massimo Moratti"
venerdì 8 febbraio 2008, 10:202008
di Appi .
fonte di Christian Recalcati per ilreca.it

Taci Moratti, non sei degno di poter esprimere nessuna considerazione inerente il mondo del "calcio pulito". Tu che di questo sport non sai nulla, tu che comprando i migliori giocatori pensavi si potesse arrivare al successo, tu che per intere stagioni hai visto vincere una Juventus nettamente più forte e mai aiutata, tu che non hai fatto parte di "calciopoli"... vorresti discutere del giuoco del calcio?Il nome Moratti non è legato a questo pallone, sono solo 50 anni che la famiglia circola tra San Siro, piazza Duse e palazzo Durini, per questo non hai diritto di parola. Lascia parlare chi si è laureato alla Bocconi e chi nel 2002 il campionato dei "truffatori" l'ha vissuto seduto dietro la scrivania di qualche importante società per azioni, lascia la parola a chi ha capito tutto delle tue frasi inerenti la triade, rispondendoti per le rime, capendo chi intendevi per "truffatori" : Del Piero, Buffon e Trezeguet.

Lascia parlare e scrivere chi calciopoli l'ha vissuto da vittima, perché punito ingiustamente per intercettazioni inesistenti o per schede telefoniche mai comprate, lascia parlare chi prepara fascicoli contro gli arbitri dimenticandosi di un certo Plautz, colui che ha lanciato i Campioni d'Europa verso il titolo e lascia esporre i propri sani pensieri agli arbitri o meglio agli ex arbitri ingiustamente puniti. Il vero calcio parlato è il loro. Caro Massimo, scusami se ti do del tu, fai come il presidente Semeraro, taci. Lo ricordi vero? Sedicesima giornata del campionato 2001/2002: stadio dei pugliesi semideserto, Lecce già retrocessa, Udinese salva con i 3 punti. Ultimo minuto l'arbitro intravede un fallo, a detta di tutti inesistente, e assegna il rigore ai friulani. Goooollll...Udinese salva e domenica festa al "Friuli"...contro i futuri campioni d'Italia. L'arbitro? Calca ancora sui verdi campi....

Presidente torno a darle del lei come si merita: "dice che tutti hanno interpretato con ironia questa lettera tra noi interisti?".

Christian Recalcati