Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

ESCLUSIVA TMW - Lucchesi parla del momento di Roma e Fiorentina

ESCLUSIVA TMW - Lucchesi parla del momento di Roma e FiorentinaTUTTO mercato WEB
giovedì 25 settembre 2008, 19:372008
di Stefano Sica
fonte Raffaella Bon

Non se la passano bene in campionato, nonostante siano state tra le più accreditate ad inizio stagione per ripetere lo splendido torneo dello scorso anno. Fiorentina e Roma sono ancora alla ricerca della forma migliore, e con Fabrizio Lucchesi TMW ha affrontato nei minimi dettagli la difficile situazione attraversata dalle due squadre: "La sconfitta della Roma è maturata in circostanze particolari, con quel gol stranamente annullato. Il pari era forse il risultato più giusto. La Fiorentina? La sconfitta ci sta tutta. E' stata una delle peggiori prestazioni della squadra. Prandelli, con quel messaggio in cui diceva che la squadra ancora non era un gruppo, credo che abbia voluto dare un segnale di incitamento ai propri calciatori. Lui non è uno che parla a caso e dice cose giuste. La Fiorentina ha un'ottima squadra, ma è troppo giovane. E talvolta i giovani possono avere ad inizio stagione qualche problema di inserimento. Gamberini ha detto che non esiste ancora un gruppo dal ritiro e non c'è dialogo? Fosse così, sarebbe preoccupante... E' comprensibile una certa amarezza a fine gara. Comunque è difficile che la Fiorentina possa giocare peggio di come abbia fatto ieri. Magari anche lui avrà voluto spronare i compagni. Ma solo chi sta dentro sa come stanno davvero le cose". In sala stampa, Prandelli ha ricordato il valore di Ujfalusi e Liverani, quasi a mò di rimpianto: "Loro sono stati due giocatori importanti per la Fiorentina. Ma ora a Prandelli manca la coesione di squadra, per via, come dicevo prima, dei tanti giocatori nuovi arrivati. Io ritengo comunque che qualsiasi problema debba essere risolto negli spogliatoi e non sui giornali. La panacea per questi mali è ritrovare le vittorie: quando arriveranno sarà facile acquisire autostima e serenità. Ujfalusi? E' stato sostituito bene. La Fiorentina ha una rosa ampia e non carente.

Alcuni si stanno semplicemente esprimendo al di sotto delle loro aspettative perchè devono inserirsi tatticamente nella squadra. Vargas? E' un ottimo giocatore. Non farà parlare il mondo, ma è pronto per una squadra di prima fascia nel nostro campionato. Pazzini? Sarà scontento perchè gioca poco, ma credo che abbia con Prandelli un ottimo dialogo. Spero che digerisca meglio questa situazione. Mutu? Non so se sia rimasto controvoglia dopo il mancato passaggio alla Roma. E' comunque l'elemento più importante della Fiorentina, un autentico campione. E' stato frenato innanzitutto dai suoi problemi fisici, ma credo che sia rimasto a Firenze con la testa giusta". Sullo stato di salute della Roma: "E' prematuto parlare di Roma in crisi. Se crisi c'è, è di risultati e non di gioco, come la gara di ieri ha evidenziato. Anche gli ingranaggi consolidati attraversano momenti di difficoltà. Anche loro hanno dovuto inserire nuovi giocatori, soprattutto stranieri, che sono quelli che fanno più fatica. Ma la Roma arriverà tranquillamente nei primi quattro posti". Infine: "Sia Roma sia Fiorentina, se gestiranno al meglio la pressione psicologica in Champions, potranno fare bene anche in campionato. L'importante è controllare al meglio l'attesa e la voglia di riscatto. Prandelli ha parlato di organico troppo ampio? Credo che prima di costruire la squadra si sia confrontato con la società. Ma non è importante il numero dei giocatori, quanto la loro capacità di essere all'altezza della situazione. Può essere anche che lui abbia voluto intendere di averne tanti e troppo bravi...".

© Riproduzione riservata