Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Foggia, il punto sul mercato

Foggia, il punto sul mercato
sabato 31 maggio 2008, 12:262008
di Mario Ciampi

La riunione dei soci di ieri sera non ha portato alcuna novità in merito alla posizione di Giuseppe Galderisi che, allo stato dei fatti e fino a giugno, è ancora l'allenatore del Foggia.
Quel che emerge è però un netto allontanamento tra le parti: il tecnico salernitano avrebbe infatti chiesto, come condizione per restare a Foggia, un ritocco dell'ingaggio e la conferma in blocco di alcuni elementi dell'attuale rosa, pronti però a svincolarsi a fine giugno essendo in scadenza di contratto: tra questi Giovanni Ignoffo e Nicola Mora su tutti, giocatori esperti e già con un buon mercato di cadetteria. E la società rossonera (che rimarrà a quanto pare ben salda al timone) non sembrerebbe, al momento, intenzionata a trattenere a Foggia gente con ingaggi pesanti come quelli dei due sopracitati, anzi. Uno dei propositi di Capobianco e soci è quello di tagliare di netto la rosa attuale, portandola ad un massimo di 22 elementi tra i quali rientrerebbero i giovani cresciuti nel vivaio come Agostinone (già Under 20), Compierchio, Liccardi (di ritorno da Barletta), Quinto (Sansovino), Posillipo (fresco di promozione in C/2 con l'Aversa Normanna) e Zagaria (Olbia).
Andrà via De Paula (ritorna al Chievo) mentre si cercherà una sistemazione al portiere Castelli, Antonio Esposito e D'Amico, tutti sotto contratto. Da risolvere le posizioni di Agazzi (Triestina), Zanetti (Lucchese) e Roselli (Arezzo, ma non ha mai giocato per un infortunio), al Foggia in prestito e degli altri elementi in scadenza di contratto, tra i quali Colombaretti, Giordano, Biancone, Russo e Cavaliere.
Senza dimenticare le comproprietà da risolvere a partire da martedi, ovvero quelle di Del Core (altro giocatore sul quale Nanù punterebbe alche il prossimo anno) e Plasmati (che si sta giocando la B con il Taranto, società alla quale è in prestito) con il Catania e Salgado con l'Avellino (tornerà alla base, ma non si sa se per restarci o meno).


Ultima ma non per importanza la richiesta (è una necessità) da parte di Galderisi di acquistare 4-5 elementi in grado di poter fare la differenza in serie C; tra questi un portiere, due centrocampisti (quantità e piedi buoni) ed un vero bomber che possa garantire la doppia cifra (uno a caso, Biancolino). Si è parlato anche del probabile ritorno di Fabio Pecchia in maglia rossonera, nonostante un'intervista rilasciata ieri dallo stesso centrocampista possibilista in merito ad una chiusura di carriera al Frosinone.
Ma soprattutto, dicevamo, l'allenatore. L'obiettivo dell'U.S. Foggia è quello di confermare Nanù, ma a determinate condizioni; tuttavia qualcosa di certo si saprà martedi quando Galderisi scioglierà le riserve e farà sapere se avrà accettato o meno la controproposta riservatagli dalla società di Via Napoli; in caso contrario, iniziano a circolare alcune alternative.
Checco Moriero, allenatore rivelazione del Lanciano e Gianni Simonelli, condottiero del ritorno in C1 del Benevento (con largo anticipo) ed attualmente disoccupato sono tra i più papabili al momento, ma non è escluso che in queste ore la rosa dei nomi possa allargarsi.