Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Gazzetta - Milan, Gattuso: "Berlusconi facci un regalo!"

Gazzetta - Milan, Gattuso: "Berlusconi facci un regalo!"
domenica 1 giugno 2008, 08:122008
di Marco Gori

In un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Gennaro Gattuso parla anche del nuovo Milan che sta nascendo: "Siamo una grande squadra, campione del mondo. Però dobbiamo ricordarci che siamo arrivati quinti in campionato. Qualcosa serve. Io spero in un bel regalo del presidente"; e quando gli viene fatto notare che, a differenza dell'Inter, il Milan si è tirato indietro davanti alle richieste del Barcellona per Eto'o, risponde: "Berlusconi governa l'Italia e nel rispetto di chi l'ha votato non può spendere come Moratti. Comunque, abbiamo dimostrato che negli scontri secchi possiamo battere tutti". Gattuso concorda quindi che manca ancora un grosso acquisto, una punta; ma la gli acquisti non sono sufficienti per lottare per lo scudetto come vorrebbe Galliani: "dovremo dare di più anche noi calciatori: siamo stati troppo altalenanti.

Però, il fatto che tutte le nostre stelle siano rimaste, nonostante la coppa Uefa, è una bella prova di affetto verso la maglia e i nostri tifosi". Infine rispondi alle voci che volevano lui al Bayern e che ora vorrebbero Ancelotti al Chelsea: "Galliani ci ha messo 5 minuti a convincermi; mi disse: 'Una bandiera non si alza una mattina e smette di esserlo'. Pensavo fosse finito il ciclo, mi hanno fatto sentire importante e sono rimasto; per due mesi Carlo ha dato la sua parola d'onore che sarei rimasto. Oggi la do io per lui. Metto la mano sul fuoco: resta al 99%".