Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il Barcellona è su Moutinho

Il Barcellona è su Moutinho
domenica 8 giugno 2008, 18:012008
di Redazione TMW

Nel Portogallo di ieri brillano le stelle di sempre, la stella Cristiano Ronaldo e Deco, lo strapagato (dal Real Madrid) Pepe e l'ex idolo del Benfica Simao. Ma a destare sensazione contro la Turchia dell'Imperatore Terim è stato soprattutto Joao Moutinho, un calciatore meno conosciuto alle grandi platee continentali ma che ieri ha entusiasmato per alcune giocate, terminando il match con lo svolazzo di una 'veronica' con cui ha permesso a Raul Meireles di segnare il secondo gol in pieno recupero. Moutinho compirà 22 anni il prossimo settembre, ma il suo valore è testimoniato che nel Portogallo gli è stata affidata la maglia numero 10, e che dello Sporting Lisbona è il 'simbolo' e il capitano. La sua prova di ieri non è certo passata inosservata, ed ecco perché oggi si ritrova al centro di 'voci' di mercato che lo danno in partenza per la Spagna: a volere il 'baixinho' (bassetto, così viene chiamata dalla 'torcida' dello Sporting per via della statura, e ad imitazione di quanto succedeva in Brasile con Romario, altro paragone impegnativo) è il Barcellona, perché Guardiola vorrebbe fare di lui l'erede di Deco, sicuro partente della rosa 'blaugrana'. "Cosa penso di questa storia? - ha detto oggi Moutinho - è una domanda da farmi alla fine di questo Europeo. Ora sono totalmente concentrato sulla mia nazionale, perché sentiamo che in questa competizione il Portogallo può ottenere qualcosa di grande.

Avevamo già mostrato di valere nel precedente europeo e ai Mondiali, dove siamo arrivati quarti, ed ora vogliamo dimostrare di essere capaci di compiere l'ultimo passo, visto che qui ci sono tanti ottimi giocatori". Per modestia lui non vuole includersi nell'elenco, e preferisce far parlare il campo. "So che Euro 2008 è seguito con molta attenzione da tutti i grandi club - continua Moutinho -, ma adesso penso a dare il meglio solo per Scolari. Del mio futuro si parlerà eventualmente a luglio". Quando il Barcellona tornerà a farsi sotto, perché è spuntata un'altra stella portoghese: dopo Nani, anche l'altro ex bambino-prodigio dello Sporting, ora anche lui quasi 22enne, è diventato un campione, per la gioia di Scolari. E il disappunto di chi si sta rendendo conto che dopo Euro 2008 il prezzo del numero 10 portoghese sarà notevolmente aumentato.