Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, e' De Rossi l'idea del centenario

Inter, e' De Rossi l'idea del centenario
venerdì 20 giugno 2008, 00:002008
di Franco Rossi
Comincia la propria carriera a Tuttosport nel 1965, per poi passare a Repubblica e al Corriere dello Sport. Nell'89 a Il Giorno, di cui diventa, nel '95, il direttore responsabile della redazione sportiva. Dal'99 è opinionista televisivo.

Mourinho lo conosceva, lo ammirava, era convinto che fosse un grande giocatore, ma non di così grande spessore: l'ha visto migliorato rispetto al Mondiale ha subito pensato: ma questo è come Essien con quale anno in meno e senza problemi di ambientamento.

E Moratti ha cominciato a pensarci e la convinzione del presidente dell'Inter sembra essere quella che è meglio spendere 50 per un fuoriclasse che 15, 15 e 20 per tre buoni giocatori.

De Rossi non solo migliorerebbe l'Inter, ma la cambierebbe sostanzialmente.

Moratti ci pensa e poi ci proverà.

Se vuole davvero fare il colpo del centenario è inutile inseguire uno come Lampard che in Italia troverebbe mille problemi (quando mai un inglese ne è stato immune?) o vaneggiare una trattativa con Essien o spendere gli stessi soldi (50 milioni) per gente che migliorerebbe solo la rosa?

E' questo l'affascinante compito che deve portare a termine l'Inter: convincere la Roma (con giocatori e tanti soldi) a cedere il suo pezzo pregiato.

Impresa difficile, ma i cosiddetti uomini mercato dell'Inter sono pagati per risolvere i problemi difficili, per quelli facili (andare da una società, chiedere quanto costa e pagare) sono capaci tutti.

Trattativa che invece è chiusa, forse prima ancora di cominciare è quella tra Milan e Arsenal per Adebayor: Galliani si è sentito ripetere la frase che lui spesso ha detto al Real quando c'era Kakà di mezzo e cioè che non se ne fa niente.

C'è sul mercato Podolsky, grande protagonista di questi Europei, che il Bayern utilizza poco, ha 23 anni, tanta bravura e può giocare sia in attacco che esterno offensivo di centrocampo, cioeè nel rolo che spesso ricopre Seedorf.

Podolsky costa meno di Adebayor ed essendo tedesco potrebbe non avere nessun problema di ambientamento.

Costa meno di Adebayor, è più giovane e più bravo: perché non provarci?