Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Borriello: "Vorrei restare a Genova"

Milan, Borriello: "Vorrei restare a Genova"
giovedì 15 maggio 2008, 14:512008
di Francesco Letizia
fonte www.milannews.it

A fine stagione si deciderà il destino di Marco Borriello che attualmente è in comproprietà tra Milan e Genoa e che in questa stagione nelle file dei rossoblù ha segnato diciannove reti. L' attaccante napoletano al momento esprime la sua preferenza per rimanere a Genova: " Ora come ora vorrei rimanere a Genova, l`ambiente e` eccezionale e la squadra ha un progetto. - ha dichiarato Borriello in un`intervista esclusiva sulle pagine del mensile `Mens`s Health` - E gioco titolare. Se poi pero e` il presidente a dirmi `Offrono una bella cifra, pensaci...`, allora tutto cambia`. Un ragazzo dalle idee chiare, che commenta cosi` questa sua incredibile stagione: ``E` stata un`annata fortunata, ma anche fortemente voluta. Io ci ho sempre creduto, anche nei momenti piu` difficili. Poi i gol sono arrivati davvero. Certo pero che cosi` tanti non me li aspettavo nemmeno io".

Fino a qualche settimana fa Borriello sembrava destinato a diventare capocannoniere con certezza, ma ora il titolo è messo in dubbio da qualche settimana in cui il gol non arriva: " Nelle altre squadre avevo accanto giocatori d`area. Prendiamo il Milan, per esempio. Li` giocavo con Inzaghi e Gilardino: essendo piu` mobile di loro, era normale che andassi io a prendere il pallone ai lati. Ma i gol, come dice sempre il nostro allenatore Giampiero Gasperini, si fanno in area, e adesso in quella zona del campo passo piu` tempo".

La consacrazione per l' attaccante è arrivata a quasi 26 anni e lui ritiene che il ritardo sia dovuto alla poca fiducia che gli allenatori avevano nei suoi confronti: " La fiducia. In passato ne ho trovata poca, sia per colpa mia che per colpa degli altri sia per colpa degli allenatori che ho avuto. Oggi invece c`e`, e` cresciuta man mano che arrivavano i gol e si e` diffusa al resto della squadra` e poi `Quest`anno, quando sono arrivato al Genoa, girava parecchio scetticismo intorno al mio nome, ma poi le cose sono cambiate".