Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Spagna, Zapatero: "Ho sofferto molto"

Spagna, Zapatero: "Ho sofferto molto"
martedì 24 giugno 2008, 12:542008
di Andrea Losapio
fonte AGI

Luis Rodriguez Zapatero e' apparso in tv per congratularsi in diretta con la nazionale spagnola per la vittoria contro l'Italia nel quarto di finale degli Europei. Il premier iberico ha raccontato di aver assistito all'incontro - che gli ha provocato "un grado di tensione impressionante" - con la moglie, Sonsoles Espinosa, e le figlie. "Bevevo Coca cola", ha detto, "Era molto tempo che non assistevo a una partita con tanto nervosismo. Ai supplementari il nervosismo è aumentato e ai rigori ho sofferto, però la gioia che è venuta dopo è stata immensa". Il leader socialista è apparso sugli schermi del quarto canale della tv spagnola che ha messo in collegamento gli uffici della Moncloa con Innsbruck, dove si trovavano il ct della Selecion, Luis Aragones, e "l'eroe" della partita, il portiere Iker Casillas: "Congratulazioni e moltissime grazie", ha esordito Zapatero, "gli spagnoli avevano bisogno di assistere a una vittoria di questo tipo".

E, rivolto a Casillas: "Siamo orgogliosi delle tue qualità come grande portiere e anche come persona e capitano". Poi, il capo del governo, che si è detto fiducioso che la Spagna arrivi in finale, ha chiesto all'allenatore se avesse preparato per tempo la lista dei rigoristi. "Era già stata provata", ha risposto Aragones, "e sapevamo chi erano i migliori. Quello che comanda alla fine sono io e sapevo che tutti avrebbero segnato. E c'era il nostro portiere: ero convinto che ne avrebbe parato uno, ma ne ha parati due".