Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW A CALDO - Catania-Reggina, la voce dei protagonisti

TMW A CALDO - Catania-Reggina, la voce dei protagonisti
domenica 4 maggio 2008, 19:582008
di Danilo Battaglia
fonte Rosario Sortino

Il big match della lotta per non retrocedere di scena questo pomeriggio allo Stadio "Angelo Massimino" di Catania, si conclude con una vittoria della Reggina grazie ad una doppietta di Nicola Amoruso con un goal per tempo mette nei guai la compagine di Walter Zenga. Il Catania sin dalle prime battute ha cercato in più occasioni il goal senza mai ottenere il risultato sperato. I rossazzurri possono recriminare su un calcio di rigore non concesso dall'indeciso Rocchi su Mascara atterrato in area dal portiere Campagnolo. Nella prima vera occasione della Reggina, quasi allo scadere del primo tempo, arriva il goal con Amoruso trovato tutto solo in area da Cozza. Nel secondo tempo è un film già visto, il Catania che prova in tutti i modi ad agguantare il pareggio ma la porta difesa dalla Reggina sembra stregata. La beffa poi arriva a fine gara quando ancora Amoruso raddoppia su calcio di rigore. A niente è servito il goal dei rossazzurro Martinez a tempo ormai scaduto. Per la Reggina tre punti d'oro ai fini della salvezza.

CATANIA

Il tecnico del Catania : "Che dire, in campo c'è stata una sola squadra. Qualcuno ha detto che abbiamo perso un match point per la salvezza, in termini tennistici, io dico che una gara giocata a tennis in questo modo sarebbe finita 6-0 / 6-0. Comunque, adesso è importante ricominciare". Sono mancate le motivazioni? "Quelle le abbiamo sempre avute, dobbiamo tirarci su e giocarci le ultime due gare nel migliore dei modi. Sembra assurdo, giochiamo bene e perdiamo, allora mi accontento di giocare meno bene e vincere la partita, magari allo scadere". Arbitraggio penalizzante? "Non mi esprimo mai sugli arbitri, però devo dire che non mi è piaciuta la gestione della partita. Non parlo del singolo caso, ma dell'intero contesto in cui si è giocata la gara".

Il difensore del Catania Gennaro Sardo: "Siamo delusi ed amareggiati. Purtroppo abbiamo attaccato per tutta la partita senza mettere la palla dentro". Cosa è mancato al Catania? "Solo il goal, abbiamo cercato di fare il possibile, non ci voleva. Sarà dura ma noi non ci arrendiamo". Il rigore? "Chissà, magari la gara sarebbe cambiata, invece siamo qui a commentare una sconfitta che non meritavamo". La salvezza passa dalla Juve e dalla Roma? "Noi ci crediamo e lotteremo sino alla fine per raggiungere il nostro obiettivo". Idea Coppa Italia da abbandonare? "Perché, ci giocheremo la semifinale con la Roma con la stessa intensità di tutte le altre partite. La finale di Coppa Italia è una grandissima occasione per questa squadra".

REGGINA

Il tecnico della Reggina Nevio Orlandi: "Oggi è arrivato un grande risultato contro una diretta concorrente in piena lotta per non retrocedere". Una Reggina non bella da vedere? "Sicuramente, in altre occasioni siamo stati belli e non abbiamo raccolto nulla, a due giornate dalla fine forse è meglio così". Decisiva la prossima gara? "Sono convinto che con la conquista di tre punti la Reggina vedrà la sperata salvezza, credo che una vittoria basti. Non dobbiamo però guardare la classifica avulsa perché potrebbe penalizzarci. Sono fiducioso".