Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW A CALDO - Inter-Genoa, la voce dei protagonisti

TMW A CALDO - Inter-Genoa, la voce dei protagonisti
domenica 26 ottobre 2008, 20:222008
di Paolo D'Abramo

Inter pericolosa fin da subito, ma il Genoa chiude tutti gli spazi e prova a ripartire. Squadre corte, il Genoa sta coperto, lascia avanti il solo Milito ed è rapido nelle ripartenze; l'Inter avanza in blocco cercando varchi disponibili per vie centrali e sulle fasce. Forza fisica, velocità e tecnica per i nerazzurri ma i ragazzi di Gasperini non si lasciano intimorire e con il passare dei minuti si fanno pericolosi, Mesto al 34' spara alto da posizione favorevole e un minuto dopo colpisce la traversa con un gran tiro da fuori. Prima di allora l'Inter aveva provato con Ibrahimovic, Adriano e Quaresma ma le conclusioni non sortivano la rete. Al rientro per la ripresa Mourinho toglie Adriano e inserisce Balotelli. L'Inter alza il baricentro e va all'assalto. Il match si fa rude, esce Muntari per infortunio ed entra Cruz. Al 55' Balotelli dal corner per Ibrahimovic di testa, alto sulla traversa. I rossoblu provano a reagire ma è Maicon a colpire la traversa complice una deviazione di Rossi. Al 60' espulso Juric per doppia ammonizione; l'Inter guadagna metri, il Genoa si difende con ordine senza mai sprecare e prova qualche sortita, Rubinho è sempre sicuro sui cross e nei tiri da fuori area. I nerazzurri ci provano fino all'ultimo ma il risultato resta fissato sullo zero a zero mentre a tempo scaduto Motta sfiora il goal su punizione deviata da Julio Cesar.

INTER

L'allenatore dell'Inter, José Mourinho: "Cerco sempre di migliorare e quando non si vince non sono felice. Abbiamo giocato contro una buonissima squadra molto ben messa in campo, duttile ad adattarsi ai diversi moduli, organizzato e con disciplina. Nel primo tempo loro hanno fatto molto bene, nel secondo abbiamo cercato di pressare ma 2 o 3 dei miei non hanno portato ampiezza, soprattutto in 11 contro 10, abbiamo anche regalato tranquillità al Genoa, anche se non dobbiamo sminuirne meriti. I giocatori devono cercare di fare quello che dico io, sono sempre responsabile dei risultati della mia squadra, ora ne parlerò con i singoli e mercoledì si vedrà una squadra diversa. Dietro hanno fatto bene Cordoba e Burdisso, abbiamo problemi fisici a centrocampo così come nella prima fase di campionato li abbiamo avuti nei centrali difensivi. Muntari sarà sicuramente indisponibile mercoledì. Stanchezza di alcuni giocatori? Per me stanchezza è un padre di famiglia che porta a casa 400 euro a settimana e lavora 15 ore al giorno, non un giocatore che gioca 3 partite a settimana".

GENOA

Il tecnico del Genoa, Gian Piero Gasperini: "La squadra sta crescendo, primo tempo veramente buono contro una grande Inter. Abbiamo interpretato al meglio la gara, giocando con personalità tecnica. Dopo l'espulsione abbiamo avuto un momento di nervosismo ma poi ci siamo assestati, muovendoci sempre con ordine, talora difendendo alti. Ora si deve fare attenzione ai cali di tensione, ho una formazione con parecchi acciaccati, dovremo fare molta attenzione per proseguire nelle soddisfazioni contro un Cagliari agile, veloce e pericoloso davanti".

Il portiere del Genoa, Rubinho: "Abbiamo fatto una grande partita e trovato la strada giusta per il resto del campionato.E' per noi un punto importantissimo, mi sarebbe dispiaciuto prendere goal su una deviazione sfortunata. Intervento difficile quando mi sono trovato un po' fuori su Cruz ma tutto è andato per il meglio".

Il difensore del Genoa, Giandomenico Mesto: "Ho cercato di fare del mio meglio, usando determinazione e corsa. Dovevo limitare sulla sinistra il gioco di Maicon, ho cercato di mettere in pratica le indicazioni del mister mettendoci il massimo impegno. Era necessario interrompere la serie negativa in trasferta e ci siamo riusciti, mi spiace per l'occasione da rete che non ho sfruttato, arrivando sul pallone in velocità ma senza freddezza, peccato".