Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW A CALDO - Piacenza-Albinoleffe, la voce dei protagonisti

TMW A CALDO - Piacenza-Albinoleffe, la voce dei protagonisti
sabato 3 maggio 2008, 20:202008
di Gianluigi Longari

PIACENZA 1 - ALBINOLEFFE 3
'21 Cellini(A) '35 Garlini(A) '75 Riccio(P) '92 Ruopolo(A)

Un Albinoleffe a due facce è più che sufficiente per uscire con i tre punti dal Garilli e lanciarsi sempre più in zona play-off a quattro giornate dal termine. Ottimo primo tempo da parte dei lombardi, che dopo un netto predominio territoriale chiudono la prima frazione di gioco in vantaggio di due reti, complici anche le disattenzioni difensive della coppia piacentina Bini-Zammuto. Il secondo tempo vede invece un Piacenza arrembante con Guzman inserito dall'inizio al posto di Bianco. L'insistenza biancorossa porta al gol di capitan Riccio, che alla mezz'ora della ripresa accorcia le distanze. Segue un netto predominio territoriale degli emiliani, con l'Albinoleffe costretto a coprirsi togliendo dal campo il bomber Cellini per inserire il più difensivo Poloni. Ma l'arrembaggio biancorosso non porta i risultati sperati, il pareggio viene solo sfiorato ed in chiusura, arriva la beffa del terzo gol bergamasco di Ruopolo, che al '92 chiude definitivamente la partita.

PIACENZA

Il difensore del Piacenza Pietro Zammuto: "Purtroppo non sono arrivato sul pallone in tempo per evitare il gol, nell'occasione del loro vantaggio. Siamo stati anche abbastanza sfortunati, sprecando diverse occasioni per riagguantare il pareggio. Purtroppo il gol di Gigi (Riccio ndr) è arrivato un po' troppo tardi per poter porre rimedio alla situazione. Sono contento anche della prestazione di Bini che ha dimostrato di avere buone qualità, spero di avergli dato una mano come i compagni più esperti hanno fatto con me".

Il capitano del Piacenza Gigi Riccio: "Credo che lo spirito e la mentalità sia migliorato di molto rispetto alle ultime partite. Ci tenevamo a fare bene contro una squadra come l'Albinoleffe, che si è dimostrata tra le migliori del campionato. Io, da capitano, conosco solo una strada per invertire la tendenza ed onorare le partite che mancano al termine del campionato, e cioè il lavoro. La squadra è dispiaciuta per questi risultati negativi e cercheremo in tutti i modi di non deludere ulteriormente la nostra tifoseria".

ALBINOLEFFE

L'allenatore dell'Albinoleffe Gustinetti: "Sul primo gol la mia sensazione è stata che la zampata finale l'abbia data Cellini, in ogni caso l'importante erano i tre punti, e sono felice di averli raggiunti. Devo ringraziare molti dei ragazzi che stanno giocando in condizioni deficitarie, ma stanno riuscendo comunque a fare bene. Siamo riusciti a non disunirci nel periodo di difficoltà. In ogni caso faccio i miei complimenti al Piacenza, che ha avuto il merito di non mollare mai, vendere cara la pelle. La cosa difficile da ora in poi sarà la pressione di essere obbligati a vincere tutte le partite, dovremo cercare di essere bravi a gestirla. È ovvio che Pisa e Brescia, potendo gestire le energie in vista dei play-off, se si dovesse verificare questa ipotesi saranno avvantaggiate rispetto a noi che invece stiamo cercando la promozioni diretta con grande dispendio di energia".

L'attaccante dell'Albinoleffe Marco Cellini: "Mi è sembrato di avere toccato il pallone nell'occasione del gol quindi lo sento mio, anche se l'azione è stata piuttosto confusa. Comunque noi dobbiamo vincere anche la prossima, non ci deve interessare il risultato del Lecce, da qui alla fine dobbiamo sempre vincere per centrare il nostro obiettivo. Dopo il loro gol è subentrata un po' di ansia, di paura di non riuscire a portare a casa il risultato, ma comunque siamo riusciti a reggere bene e abbiamo portato a casa il risultato con merito. A livello personale non mi interessa affatto essere capocannoniere, più siamo vicini al risultato di squadra, più gli obiettivi dei singoli devono passare in secondo piano".