Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW A CALDO - Siena-Cagliari, la voce dei protagonisti

TMW A CALDO - Siena-Cagliari, la voce dei protagonisti
domenica 14 settembre 2008, 18:262008
di Guido De Leo

Bella vittoria del Siena, che si impone per 2 a 0 contro il Cagliari nel primo scontro diretto della stagione per entrambe le squadre. Parte subito molto forte la formazione di casa che al 10' è già in vantaggio con il primo gol in campionato di Calaiò: l'ex napoletano è abile ed opportunista a mettere in rete dopo una torre di Portanova su azione d'angolo. La reazione ospite tarda ad arrivare, e il Siena sfiora ripetutamente il vantaggio con Frick e ancora con uno scatenato Calaiò, che centra il palo con un pregevole colpo di testa. Nella ripresa però il copione cambia e gli ospiti si fanno molto pericolosi con Larrivey, che si vede annullare un gol per fuorigioco probabilmente buono, e il neo entrato Matri. Curci però è sempre attento. Nel recupero con gli avversari sbilanciati il Siena raddoppia grazie ad un contropiede ben orchestrato da Forestieri e Jarolim, che consegna a Ghezzal la più facile delle occasioni: il francese è freddo e festeggia con un gol l'esordio nella massima serie.

SIENA

Il tecnico del Siena ed ex di turno, Marco Giampaolo: "I tre punti fanno dormire più sereni, non era semplice ed era importante vincere. Ma la soddisfazione è sempre momentanea, da domani bisogna pensare alla partita di mercoledì. Nella prima parte abbiamo fatto molto bene, e abbiamo meritato. Nella ripresa loro tentando di rimontare, ci hanno creato più problemi, e Matri ci ha messo in difficoltà. Credo che sia giusto che Allegri da par suo dica che avrebbero meritato il pari. Nessuna vendetta personale, era importante vincere per poter lavorare con serenità, siamo una squadra giovane e rinnovata. Le scelte di oggi? Ghezzal si è aggregato al gruppo solo martedì, Codrea e Frick non c'erano da dieci giorni e Rossettini e Ficagna sono stati recuperati solo alla fine. La partita di mercoledì in Coppa? È importante per chi non ha giocato: credo infatti di utilizzare chi non è stato impiegato oggi, nuovi compresi. Siamo in tanti e queste partite servono per far avere il ritmo a tutti".

L'attaccante del Siena Abdel Ghezzal: "Sono molto contento, non mi aspettavo un esordio così positivo. Quando sono entrato il mister mi ha chiesto di aiutare la squadra anche in situazioni di non possesso, come stavano facendo già Caliaò e Frick. Una dedica particolare? Va a mia madre. Gli obbiettivi personali? Per questa stagione non ho un obbiettivo, sto cercando di recuperare la forma dopo i problemi fisici della preparazione, e penso di partita in partita. Il ruolo? Oggi ho giocato davanti ma mi metto a disposizione. Giampaolo mi vede anche come vice-Kharja? In settimana abbiamo provato qualcosa, è una posizione che comunque anche a Crotone a volte ho ricoperto".

CAGLIARI

L'allenatore del Cagliari, Massimiliano Allegri: "Nel primo tempo il Siena ha meritato il vantaggio, nel secondo abbiamo fatto bene. All'inizio avevamo fretta di giocare la palla, e loro ci ha messo molto in difficoltà. Nella ripresa è successo il contrario, e a parte il gol, annullato, di occasioni ne abbiamo avute tante. Con i tre attaccanti, è vero, abbiamo fatto molto meglio e siamo riusciti ad allargare il campo. Eravamo anche riusciti a segnare, ma queste decisioni a malincuore vanno accettate, non serve a nulla polemizzare con gli arbitri. Credo che ci saremmo meritati di più, ma purtroppo abbiamo perso. Il nostro campionato sarà comunque di sofferenza, e ogni partita sarà difficile, ma da affrontare senza avere paura. Matri? Col senno di poi forse era da farlo entrare prima. La mia panchina è già bollente? Non saprei, oggi non mi sono neanche seduto un attimo durante la partita..."