Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese: Totò a colori

Udinese:  Totò a colori
sabato 31 maggio 2008, 07:422008
di Appi .
fonte udineseblog.it

Quando il bianconero si tinge d'azzurro: Totò Di NAtale incanta l'Italia e lascia il suo timbro indelebile nell'ultima gara prima dell'Europeo.

Segnale importantissimo verso chi promuove già Cassano e Del Piero. Senza nulla togliere a questi giocatori, ma la sponsorizzazione mediatica che hanno avuto li rende perfino antipatici a chi invece giudica in altra maniera. Ovviamente anche noi siamo di parte, ma qui è semplicemente obiettività. Oggi in Italia come Totò non ce nessuno. Numeri a parte è un giocatore che trascina oltre che inventare, un giocatore che ha il gol facile come non mai nella sua carriera e che sa sacrificarsi decisamente più dei suddetti compagni.
Ora però il lato oscuro della medaglia: ironia della sorte, quanto scommettete che quei media che lo vorrebbero addirittura in panchina a favore del doriano e dello juventino, ora inizieranno a parlare ancor più di mercato? Viene il sospetto che il loro giudizio tecnico parta più che altro dal pregiudizio verso l'Udinese, provincialotta che quindi non ha diritto ad avere tanti campioni in squadra.
Ora come non mai la società bianconera deve continuare la sua politica: ribadire con ancora più forza la sua posizione, e magari cercare davvero di accontentare in tutto e per tutto Di Natale a diventare ancora più leader di questa Udinese. Il vero colpo dell'anno potrebbe essere lui.
Intanto godiamocelo in azzurro, alla faccia di chi preferisce l'aspetto mediatico del pallone.