Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Arabi e Israeliani si sfidano in una partita a Roma

Arabi e Israeliani si sfidano in una partita a Roma
venerdì 30 ottobre 2009, 21:312009
di Redazione TMW

Una squadra afro-araba e una ebraica si sfideranno domenica prossima in una partita ufficiale a Roma sotto il segno dell'amicizia. Da una parte la Liberi Nantes, composta da giocatori di sette nazionalità arabo-africane, molti dei quali di religione musulmana; dall' altra la Maccabi Haifa, squadra interamente di religione ebraica. La squadra afro-araba, dopo aver partecipato alla XII edizione dei Mondiali di calcio antirazzisti disputata recentemente a Casalecchio di Reno ora milita, come quella ebraica, in un campionato di terza categoria a Roma. La Liberi Nantes, composta da rifugiati, è stata inserita nello stesso girone della Maccabi Haifa, storica compagine del campionato dilettantistico romano, vicina alla Comunità ebraica.

La partita, che si svolgerà domenica prossima alle 9 nel centro Bernardini, nel quartiere Pietralata, sarà una sorta di gemellaggio che i giocatori festeggeranno subito dopo l'incontro con un rinfresco. La squadra afro-araba conta 25 atleti, tutti rifugiati e richiedenti asilo: eritrei, afghani, etiopici, iracheni, nigeriani, sudanesi e togolesi, che vivono in centri di accoglienza. Per loro il club rappresenta un elemento di appartenenza e di recupero dell'identità. Liberi Nantes è nata nel 2007 a Roma, su iniziativa di un gruppo di volontari e con il sostegno di alcune associazioni sportive, di centri di assistenza e sostegno, come il Centro Astalli, la Fondazione Don Luigi Di Liegro e l'Uisp di Roma.