Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Christian Recalcati: "Inter, Ibra e Maicon..."

Christian Recalcati: "Inter, Ibra e Maicon..."TUTTO mercato WEB
© foto di Giacomo Morini
sabato 4 luglio 2009, 18:572009
di Redazione TMW.
fonte di Christian Recalcati per 24oredisport.com

"Penso che Maicon sa rà la ciliegina sulla torta del Real Madrid. Al momento nulla, ma mi aspetto l'offensiva di Florentino Perez. Maicon, nel suo ruolo, è il migliore al Mondo". Parole e musica di Antonio Caliendo, procuratore del brasiliano. L'Inter non è tranquilla, perchè oltre a Maicon, il silenzio che circonda il duo Raiola-Ibra, fa pensare. Il Barcellona vorrebbe Villa, ma dall'Inghilterra giungono indiscrezioni al nostro sito dove si racconta di un'offerta già pronta per il calciatore del Valencia, da parte del Chelsea, 43 milioni e 700 mila euro.

Se i blues riuscissero a strappare il forte attaccante agli azulgrana, Ibra o Eto'o, con rinnovo super, potrebbero giocare al centro dell'attacco catalano. Già, proprio Ibra. Nessuna offerta al momento, ma se dovesse arrivare...Lo hanno sempre detto e sostenuto, sia gli emissari nerazzurri, sia Mino Raiola. Non sarà il Manchester UTD, ma se si pensa che gli ultimi attaccanti cedibili rimasti sono Ibra, Villa ed Eto'o, e le uniche squadre che non hanno fatto un acquisto sono Chelsea e Barcellona, si può cominciare a sospettare non solo l'attacco per Maicon, ma la possibile offerta del Barcellona per Ibra, magari tra un pò, quando il mercato sarà agli sgoccioli e gli attaccanti in circolazione pochi, anzi uno, Samuel Eto'o. Basterebbe una frase sbagliata di Ibrahimovic per creare la tempesta.