Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

...con Gianluca Atzori

...con Gianluca Atzori
giovedì 16 luglio 2009, 00:002009
di Redazione TMW
fonte Raffaella Bon

Tra tanti gioielli di una campagna acquisti importante, si inserisce anche il nuovo tecnico: è Gianluca Atzori che, dopo l'esperienza a Ravenna, è pronto a riprendere da timoniere l'avventura di Catania che aveva lasciato, da allenatore in seconda di Zenga, proprio un anno fa.

L'inizio della nuova avventura: com'è stato?
"Ho rivisto tante facce che già conoscevo visto che ho avuto la fortuna di fare già l'allenatore in seconda qui: sono contento perchè anche i nuovi si sono presentato bene e ci sono i buoni propositi per fare tutto nel milgiore dei modi".

Il Catania è una squadra che aspetta rinforzi ulteriori dal mercato?
"Penso che siamo molto competitivi già in questo momento, ma so anche che la società è attenta sul mercato ad ogni occasione: abbiamo un ottimo organico, che ha fatto un grande campionato con Walter l'anno scorso, e già rinforzato... Poi è chiaro che se migliorerà ulteriormente, aggiungendo qualità, saremo felici tutti".

C'è voglia di fare le cose in grande: Atzori non ha chiesto nessun giocatore dunque?
"I ragazzi sono partiti col piglio giusto: spero che mantengano questo atteggiamento per tutto l'anno. A Lo Monaco non ho chiesto nulla perchè sono soddisfatto finora".

Intanto è di ieri la disavventura di Alvarez, che tralaltro è sempre di proprietà del Catania, seppur in prestito...
"Vedremo quale sarà il suo futuro, intanto siamo molto lieti dell'epilogo che ha avuto la disavventura in Argentina: abbiamo sentito il ragazzo e sta bene, così come la sua famiglia, era solo un po' scosso com'è naturale che sia".

Gli svincolati, come Spinesi e Stovini?
"Penso che abbiano fatto delle scelte insieme alla società e dunque non rientreranno nei nostri progetti futuri".

Si parla molto di Pesce...
"E' un giocatore che ho seguito qualche volta all'Ascoli perchè lo reputo valido e molto interessante. il direttore Lo Monaco però non me ne ha mai parlato, ragion per cui non credo sia effettivamente un obiettivo della società".

Intanto Mascara ha festeggiato il suo rinnovo
"Mascara è il nostro punto fermo: è questo il segnale che la società ha voluto mandare a tutti. Mi auguro che continui a scrivere le pagine della storia del Catania come fatto l'anno scorso con gli splendidi gol che tutti, sia lui che i tifosi, si ricorderanno".

Per uno che resta, c'è Biagianti corteggiato dal Genoa...
"Mi auguro che Biagianti rimanga qui: l'anno scorso ha confermato le sue qualità ed è fortissimo. Gli ho parlato in questi giorni e mi sembra contento di restare qui, dunque spero e credo che continuerà a sposare il nostro progetto".

Entrambi tralaltro sono stati chiamati da Lippi proprio grazie alle grandi prove a Catania
"Fare parte del gruppo della Nazionale è per Biagianti come per Mascara e chiunque altro uno stimolo ulteriore per fare benissimo in questa stagione: sta a loro darsi da fare e meritarsi le chiamate di Lippi con grandi prestazioni qui".

C'è chi dice che arriverà Pratali per la difesa, che è un suo grande amico: che ci può dire in merito?
"Con Francesco ho avuto uno splendido rapporto ad Empoli: so che poteva venire a gennaio, ma non se n'è fatto nulla ed a quanto mi risulta l'interesse è svanito in quella occasione. Non so se è ancora un obiettivo della società, non penso: poi magari potrei essere smentito e domani arriva al Catania. Ne sarei ovviamente felice perchè è un ottimo difensore che qui farebbe benissimo, ma io ho già quattro centrali e sono scelte che appartengono alla società quelle sul mercato".

Cosa può promettere ai tifosi del Catania per la stagione appena iniziata?
"La mia promessa è quella di dedicarmi notte e giorno a questa squadra e per confermare quanto di buono è stato fatto l'anno scorso: la società mi ha dato molta fiducia e dunque cercherò di ripagarla e di far rendere al meglio i ragazzi. Possiamo promettere tanto tanto impegno e lavoro: mi sembra la cosa più importante sempre".