Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Millesi: "Vi racconto il mio calvario"

ESCLUSIVA TMW - Millesi: "Vi racconto il mio calvario"
lunedì 27 luglio 2009, 16:282009
di Stefano Sica
Intervista realizzata da Raffaella Bon

Dopo aver operato la rescissione del contratto col Catania, per Francesco Millesi potrebbero schiudersi le porte di qualche club della cadetteria. TMW lo ha raggiunto per scoprire cosa bolle in pentola: "Ci sono stati dei sondaggi da parte di Grosseto, Empoli e Salernitana ma niente di concreto: sono a parametro zero e posso anche aspettare. Sono consapevole che mi devo rimettere in corsa e ripartire daccapo. Il passato è passato ma sono pronto ed ho una grande voglia. Anche in B cercherò di dare il massimo. Sono sicuro di tornare quello di prima. Voglio respirare di nuovo l'aria dello spogliatoio e del prepartita, voglio sentirmi uno come tanti. Tranne l'esperienza allo Spezia, non l'ho fatto a lungo".

Col Catania che è successo?
"Abbiamo fatto la rescissione e tutto è andato bene. Mi aspettavo tutt'altro da ciò che ho vissuto. Ho voluto questa separazione a tutti i costi. Volevo tornare assolutamente a fare ciò che ho sempre fatto: giocare a calcio ed essere trattato come un calciatore e soprattutto come un essere umano. Non c'era altra soluzione, dovevo andare altrove. Mi aspettavo un trattamento diverso, non sono stato considerato alla stregua degli altri. Posso capire che potevo essere considerato il meno forte come calciatore, ma umanamente non meritavo tutto questo. Sono stato due anni di fila fuori rosa e non c'era un motivo valido. Era normale se mi mettevano sul mercato, ma non un accanimento simile. Qui poi era tutto drastico: non mi veniva data la possibilità di allenarmi con la squadra e di migliorarmi. Ognuno migliora anno per anno e giorno dopo giorno. Sono stato messo fuori rosa come altri giocatori e non mi veniva dato quanto spettato: non giocavo e non mi allenavo. Così ho perso tanta visibilità. Magari qualcuno nel mondo del calcio pensava che avevo problemi fisici o mentali... Del resto uno pensa che se un giocatore gioca ed all'improvviso non lo fa più, qualche problema ci dovrà pur essere. Ho avuto un danno di immagine impressionante".

© Riproduzione riservata