Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Heinze socio in affari di Maradona

Heinze socio in affari di MaradonaTUTTO mercato WEB
venerdì 13 novembre 2009, 18:272009
di Redazione TMW

Perché gioca sempre Heinze in nazionale?, è l'insidiosa domanda con cui oggi El Pais punta il dito contro l'allenatore dell' argentina, Maradona, 'colpevole' di aver convocato il difensore Gabriel Heinze in 11 su 13 partite da titolare: l'unico convocato fisso, se si esclude il fuoriclasse Leo Messi. Il motivo non è addebitabile a meriti sportivi ma, secondo il quotidiano madrileno, a questioni di business. Sebastian Heinze, fratello del difensore del Madrid e attualmente al Marsiglia, ha un'impresa di marketing, promozione di eventi e immagine di sportivi chiamata Passion e fra i suoi clienti figura l'allenatore argentino, Diego Maradona. La collaborazione fra l'ex Pibe e l'azienda, che si vanta di promuovere lo sviluppo del marchio Maradona, risale al 2006. Un dirigente di un club argentino, che vuole mantenere l'anonimato, interpellato dal quotidiano, la spiega così: "Quando Maradona non aveva nulla, dopo la separazione dalla moglie, il fratello di Gabriel Heinze, che è rappresentante di calciatori, lo portò in India a tenere conferenze e gli fruttarono un milione di dollari.

Poi cominciarono a organizzare partite di esibizioni di calcio a 5 per tutta l'Argentina. E stato un grosso affare".
Sarà, dunque, per debito di riconoscenza che Heinze non manca una convocazione? Maradona, ricorda il quotidiano, fra i molti dubbi, non ha mai esitato a chiamare come titolare Heinze, che con i suoi 31 anni, una grave lesione al ginocchio, sembrava giunto alla fine della sua carriera internazionale. Fino a quando non è arrivato el Pibe doro ed è finito col diventare il suo braccio destro nello spogliatoio.