Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Telelombardia - Imbarcata Inter

Telelombardia - Imbarcata InterTUTTO mercato WEB
© foto di Filippo Gabutti
mercoledì 25 novembre 2009, 15:342009
di Redazione TMW.
fonte di Alfio Musmarra per www.qsvs.it

La legge del Camp Nou è come un pugno alla bocca dello stomaco. Il ko contro il Barcellona è la diretta conseguenza della lezione spagnola blaugrana, perché non c'è stata partita al di là della differenza di tasso tecnico tra le due squadre l'Inter è stata totalmente incapace di metterla sul piano fisico. Mourinho, che doveva essere l'uomo della rinascita europea, ha scoperto di essere 'distante dal Barcellona' e che l'assenza di Sneijder ha pesato più rispetto a quelle di Ibra e Messi. Chi era a Barcellona, ha visto Massimo Moratti deluso e forse demoralizzato, evidentemente vedere la sua squadra surclassata nonostante il Barcellona avesse fuori Ibra, Messi e Tourè, gli ha fatto capire che ancora i sogni europei non sono alla portata, anche se l'Inter dovesse qualificarsi agli ottavi. Ancora una volta l'approccio alla gara è stato sbagliato a questo punto non può più essere una casualità. La sconfitta pesa soprattutto perché ha messo in evidenza un abisso tecnico tattico che non può esistere per chi davvero vuol competere per vincere la Champions League.

Bisogna guardare in faccia alla realtà, l'Inter non è ancora pronta e troppi uomini che dovrebbero fare la differenza, hanno ancora una volta fallito miseramente. Maicon il cui suono della voce si è percepito solo quando c'era da chiedere un aumento di stipendio ne è l'emblema. Ora sotto con la Fiorentina, che si trova in cima all'Everest dopo l'impresa europea. Eppure Prandelli non ha una squadra di fenomeni, ma è riuscito ad avere i risultati attraverso una squadra che gioca senza paura, e senza timore reverenziale. Certo il Liverpool non è il Barcellona, ma il Lione non è neppure il Rubin Kazan, come la mettiamo?