Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Telelombardia - Inter, l'ora di vincere

Telelombardia - Inter, l'ora di vincereTUTTO mercato WEB
© foto di Filippo Gabutti
martedì 3 novembre 2009, 22:182009
di Redazione TMW.
fonte di Stefano Donati per Telelombardia - www.qsvs.it

L'Inter che si appresta a disputare la gara della vita contro la Dinamo Kiev è tutt'altro che definita. Diversi giocatori non sono al top alcuni dei quali in ruoli determinanti, Josè Mourinho li ha portati tutti, un po' per confondere le idee agli avversari ( sì, proprio così ) ed un po' perché spera che almeno Sneijder e Muntari possano essere della gara. Balotelli ci sarà, ma partirà dalla panchina considerato che neppure ieri si è allenato, Cambiasso agirà in mezzo al campo ma neppure lui è in perfette condizioni. In più il freddo e lo sbalzo termico non agevolerà certo i giocatori che sono chiamati all'impresa per non trasformare il rientro a Milano in una disfatta non solo sportiva. Perché il presidente dell'Inter Massimo Moratti, se da un lato può gioire per il solco tracciato in campionato, dall'altro non può certo essere soddisfatto per il cammino europeo dei suoi ragazzi, gli investimenti fatto quest'estate non lo rendevano certo ipotizzabile, se a questo aggiungiamo il bilancio chiuso in pesante passivo e gli eventuali mancati introiti della champions, la situazione non diventerebbe certo entusiasmante.

Certo in questo momento il numero uno di Corso Vittorio Emanuele non ci pensa, ma quando più avanti Josè Mourinho busserà alla porta per chiedere rinforzi, non ci sarà certo un tappeto rosso sotto i suoi piedi. Ma l'obiettivo in questo momento è vincere a Kiev, anche senza Motta, che difficilmente verrà recuperato. L'unica speranza è quella di ritrovare Sneijder, che garantisce maggiore fluidità alla manovra offensiva. Ma in un caso estremo come questo va bene tutto, perché l'unico risultato plausibile è la vittoria, in qualunque modo essa arrivi. Per i nostalgici, Hector Cuper lasciato la guida della Georgia, si è accasato in Grecia all'Aris Salonicco, che lo messo sotto contratto fino a giugno.