Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juventus, Amauri: "Ora non mi fermo più..."

Juventus, Amauri: "Ora non mi fermo più..."TUTTO mercato WEB
© foto di Filippo Gabutti
lunedì 26 ottobre 2009, 09:222009
di Redazione TMW.
fonte Juventus.com

Amauri ha deciso la gara di Siena, dopo essersi sbloccato con la Fiorentina. Gli mancavano solo i gol e sono arrivati: «Avevo detto che con la Fiorentina iniziava il mio campionato, dunque come vedete è iniziato bene, ma non mi fermo qui, di gol ne arriveranno altri».

A chi lo ha criticato, l'attaccante brasiliano risponde così: «Non segnavo per questione di circostanze, ma avevo fatto belle partite, il gol era solo questione di giorni e infatti è poi arrivato. Io non devo dimostrare niente a nessuno perchè sono in Italia da cinque anni e faccio una stagione più bella dell'altra».

Amauri torna poi sulla partita con il Siena: «Siamo contenti perchè abbiamo vinto, anche se si è faticato molto per entrare nella loro area, ma in realtà abbiamo attaccato sempre noi. Il modulo? Una o due punte non importa, contano la voglia, la determinazione e lo spirito con cui andiamo in campo»

Concorda con Amauri il giocatore che gli ha piazzato sulla testa il pallone del gol partita, Diego, che conferma la difficoltà incontrata a Siena di penetrare nella difesa avversaria e si dice soddisfatto per il risultato, per sè e contento per Amauri: «Abbiamo fatto un gol e portato a casa tre punti, va bene così, era importante vincere. Sono soddisfatto di aver contribuito con il mio calcio di punizione al gol di Amauri, per il quale sono molto contento. Ritengo che le giocate così, anche su palle inattive, siano molto importanti. Se sono come il Diego visto in avvio di stagione, ad esempio a Roma? Sì, sono lo stesso, ma è chiaro che le qualità dei singoli vengono esaltate quando tutta la squadra gira bene»