Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lazio, che crollo. Ballardini rischia

Lazio, che crollo. Ballardini rischiaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 5 novembre 2009, 23:142009
di Redazione TMW
VILLARREAL-LAZIO 4-1

Serata maledetta per la Lazio travolta dal Villarreal che la aggancia al secondo posto del girone e ora è favorito negli scontri diretti. E pensare che la gara del Madrigal era iniziata con una grande palla gol sprecata da Rocchi, dopo 40 secondi. Un errore pagato subito a caro prezzo dai romani che dopo poco più di un minuto vanno sotto: la punizione di Pires termina direttamente in rete con Nilmar che non tocca, ma inganna Lichtsteiner e Bizzarri. Neanche il tempo di reagire che arriva l'ingiusta espulsione diretta di Baronio, per una manata quasi invisibile su Llorente. Episodio che fa infuriare la Lazio e si rivela decisivo.

E' il terzo minuto, al 13' Cani fa tutto da solo e trafigge Bizzarri per la seconda volta con un preciso rasoterra. Purtroppo per la squadra di Ballardini non è un incubo, ma è tutto vero e non è neanche finita: al 15' Diakitè trattiene Nilmar in area e anche questa volta l'arbitro tedesco Kircher non ha dubbi: rigore che Pires trasforma per il clamoroso 3-0 dopo un quarto d'ora. Alla Lazio servirebbe un miracolo per tornare in partita: al 32' c'è un'occasione d'oro: Gonzalo stende Rocchi in area, rigore ed espulsione, ma la serata è maledetta e Foggia scarica il tiro sulla traversa. La Lazio reagisce soltanto nella ripresa, Ballardini inserisce Kolarov e Zarate e l'argentino va in gol al 73' su cross di Eliseu. La Lazio ci crede, ma al 83' Mauri sgambetta Cani in area e arriva il terzo rigore della partita che il neo entrato Giuseppe Rossi trasforma per il definitivo e pesantissimo 4-1.