Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lega, Beretta: "Mano Henry? Tecnologia per evitare tali casi"

Lega, Beretta: "Mano Henry? Tecnologia per evitare tali casi"
venerdì 18 dicembre 2009, 20:402009
di Raimondo De Magistris
fonte Ansa

Emulare campi come la giustizia ordinaria per evitare in futuro episodi eclatanti come quello della mano del nazionale francese Thierry Henry, costata all'Irlanda l'esclusione dalla fase finale dei Mondiali in Sudafrica. A prendere posizione sulla necessità di ricorrere presto alle nuove tecnologie per evitare errori così grossolani è il presidente della Lega Calcio Maurizio Beretta. "Io credo che un'azione poco etica come la mano di Henry non potremo più accettarla in futuro.

Credo che non possiamo più accettare che il complesso delle regole - ha spiegato Beretta nel corso del convegno 'Calcio, valori in gioco, svoltosi all'università Lumsa di Roma - sancisca con grande rassegnazione il fatto che c'è un'ingiustizia latente e che questa ingiustizia venga accettata perché si è sempre fatto così". "Non voglio entrare nella definizione delle regole e in campi più alti della mia competenza di rappresentante delle squadre - prosegue il presidente della Lega Calcio - ma credo che, come nella giustizia ordinaria si è utilizzata la tecnologia come ad esempio la prova del Dna per scagionare innocenti e trovare dei colpevoli, anche il mondo del calcio non possa pensare di lasciare interessi e posta in gioco a meccanismi e regole - e non mi riferisco solo a quanto avviene sul campo - che non abbiano lo stesso livello di certezza e capacità di essere efficaci".