Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Melo, brava Juve! Ma Firenze merita altro. Cruz: tentazione o no? Bari, un colpo vero

Melo, brava Juve! Ma Firenze merita altro. Cruz: tentazione o no? Bari, un colpo veroTUTTO mercato WEB
mercoledì 8 luglio 2009, 00:002009
di Alfredo Pedulla'
Nato a Messina il 15 Aprile 1964, si trasferisce a Roma nel 1989 per lavorare presso la Redazione del Corriere dello Sport, fino al 2007. Opinionista di Sportitalia, ha vinto i premi "Oscar dei giovani", "San Silvestro d'oro" e "Beppe Viola".

Pantaleo Corvino è imprevedibile, un po' bugiardo (il che non guasta) e spesso imprendibile. Lo considero un numero uno,forse il numero uno,ma ogni tanto cade in contraddizione. Meno di ventiquattro ore fa gli ho posto una domanda, via sms. Felipe Melo va alla Juve? "Solo se portano i 25 milioni dopo che hanno raggiunto l'accordo con il giocatore! Lo sai come sono fatto, non tradisco...". Il giorno dopo, Felipe Melo è ormai della alla Juve, complimenti a Cobolli Gigli ed al suo staff: al momento dell'annuncio sarebbe grande colpo. Però, c'è qualcosa che non mi torna. Riepilogando: la Fiorentina stabilisce il criterio della clausola rescissoria, novità tra le novità. In conferenza stampa Corvino parla di innovazione assoluta, di svolta obbligata, di inversione di tendenza. Qualche giorno dopo precisa che soltanto nel caso dell'Arsenal verrebbe privilegiata la contropartita tecnica (Eboue più soldi). La Juve no: se vuole Melo, porti i soldi - tutti cash - senza contropartita tecnica. Marchionni era (sembrava) un'altra storia, staccata dalla trattativa per il regista. Io sorvolo sulla valutazione, di sicuro un'ottima valutazione, ma la ritengo una prova di debolezza. Si sapeva che la Juve non si sarebbe presentata con 25 milioni cash. Pur essendo un'ottima valutazione quella che la Fiorentina dà al cartellino, 25 milioni in contanti è una cosa, 20-21 più Marchionni è un'altra. La Juve sistemerebbe alla grande il centrocampo , Felipe Melo più Sissoko alla spalle di Diego è la conferma che Ferrara non cercava un Diarra. Una cosa mi dispiace per Firenze: non c'è stato neanche il tempo di proporre la clausola rescissoria che un asso è andato subito via. Al primo colpo di vento. Sarebbe stato meglio dire: "Posso cedere Melo alla Juve per 20-21 milioni più Marchionni". Mi dispiace molto che Firenze, grande passione e fedeltà, debba diventare ogni anno un porto di mare. L'anno scorso la telenovela per Mutu, rimediata in extremis, adesso il bis con metodi poco chiari. Felipe Melo giurava la sua riconoscenza,ma non a caso in quello stesso momento aveva deciso di andar via. Non a caso gli striscioni dedicategli poche ore fa, con tanti euro in evidenza... Dare un giocatore alla Juve, poi, non deve essere il massimo per una serena notte di inizio luglio. Adesso l'obbligo è quello di portare un centrocampista almeno all'altezza di Melo, le chiacchiere stanno a zero. Dzemaili è un ottimo centrocampista, ma non certo l'erede di Felipe Melo. E' stato offerto Hernanes, la logica dice che la Fiorentina dovrebbe andare su Ledesma (in primis) o D'Agostino.Ma alla luce della vicenda Melo non c'è una logica.

Intanto, Galliani parla di saldi. E snocciola con naturalezza il concetto:"Aspetteremo che i prezzi scendano, in modo da poter fare il nostro gioco".Il Milan che parla di saldi è come quel nobile che aspetta la sette del mattino per fare il colpo a Porta Portese: una cosa che non esiste. Il bello è che Galliani lo dichiara con naturalezza, come se fosse una cosa normale. "Aspettiamo i saldi", che poi sarebbero -più o meno -gli scarti dell'altri. Galliani aveva dato per certa la conferma di Ancelotti, aveva escluso l'arrivo di Leonardo come nuovo allenatore, aveva garantito su Kakà. E ora garantisce sul fatto che Pirlo non andrà via: ci credete a prescindere, puntereste 40 o 50 euro? Galliani va a Maiorca per Huntelaar e poi il suo nuovo allenatore Leonardo dice che sarebbe preferibile prendere Luis Fabiano. Ma allora per quale motivo l'ex plenipotenziario che faceva la differenza è andato a incontrare Florentino Perez?Per un giro in barca? Galliani dice che il Milan ha detto no a un'offertissima per Pato, immaginando in questo modo di recuperare terreno e credibilità verso la tifoseria. A me non piacciono le manifestazioni di protesta come quella nel giorno del raduno,credo che il modo migliore per dimostrare eventuale diffidenza o indifferenza sia quello di disertare lo stadio e di non fare quarantacinquemila tessere,la media del Milan degli ultimi anni. Ma è evidente che questa società, nelle idee e nell' approccio mediatico, sia lontanissima parente di quella che faceva i buchi al video quando parlava,esponeva le idee e passava dalla teoria alla pratica con grande facilità. Una volta il Milan andava in missione e tornava a casa con il giocatore dei desideri. Adesso fa tanti viaggi a vuoto,perché chiede il prestito gratuito e non si rende conto che non sono atteggiamenti da Milan. C'è chi dice: magari questa è una strategia di Berlusconi che prima o poi metterà in discussione anche Galliani e Braida. Può darsi. Intanto, aspettiamo i saldi:prima indossavo lo smoking ogni giorno, adesso cerco un paio di jeans e pazienza se non sono alla moda. Leonardo è convinto di tutto, anche del 4-3-3: bravo ragazzo e sulla carta splendido aziendalista. Ma si faccia dare gli attaccanti esterni: se viene un'influenza a Pato o Ronaldinho chi giocherebbe al loro posto?

Mi piace molto l'ultimo Moratti, non più disponibile a cascare nella trappole e poco incline ai ricatti: almeno ufficialmente non ha concesso l'adeguamento a Maicon, soprattutto non glielo ha concesso ottimo e abbondante al punto che - vedi Ibrahimovic - sarebbe poi un problema cederlo tra un anno se al signor Maicon venisse, puntuale, un nuovo mal di pancia. Dopo aver pagato ingaggi eccessivi (Solari, Recoba) senza un minimo ritorno,la scelta di Moratti mi sembra quella giusta. Anche nel caso di Carvalho e Deco: pagare 14 milioni per entrambi rivaluterebbe la scelta di Galliani di andare ai saldi, soprattutto per Deco mi sembra una mezza follia. Non è vero,come dice lo stesso Galliani, che non ci sono soldi freschi a parte quelli investiti dal Real Madrid.Non è vero perché il Napoli, Galliani dovrebbe saperlo, ha messo sul piatto una cinquantina di milioni, soprattutto lo ha fatto con raziocinio sfruttando il nuova mentalità: basta agli sconosciuti (e costosi) argentini, avanti con la gente di maggiore qualità e affidabilità. Continuo a credere che uno tra Pandev e Cruz sarebbe perfetto, con la differenza che Pandev rappresenterebbe un investimento per il futuro, mentre Cruz è un eccellente specialista ma di 35 anni che chiede il posto fisso e un ingaggio di oltre2,3 milioni per almeno due anni. Un bel bivio: la tentazione (che inevitabilmente esiste perché stiamo parlando di un grande attaccante) o la ragione? Il Napoli mi piace molto,a patto che chiuda bene non sbagliando l'esterno sinistro: sinceramente Modesto, ragazzo della mia Calabria,mi convince poco nella fase difensiva. Sempre molto bene il Genoa: Moretti e Sorrentino sarebbero due ottimi colpi,l'attivismo di Preziosi non ha confini. Si sta svegliando la Sampdoria con Tissone e forse Domizzi, ma serve qualcosa di più. Fidatevi, Bergessio non ètroppo lontano da Catania. Quanto al Bari la squadra viene impostata a immagine e somiglianza di Ventura, mi piacerebbe che venisse fatto un investimento vero per l'attacco (andrei su Pozzi, grande talento). E le numerose operazioni di mercato, sia in entrata che in uscita, sono la conferma che attribuire ad Antonio Conte richieste eccessive come motivazioni principale del suo addio era una scusa per cercare un appiglio o qualcosa del genere. Giriamo pagina,è inutile vivere di ricordi anche se mi sarebbe piaciuto molto vedere Conte in serie A con il Bari. A proposito: vorrei ringraziare gli amici (che non conosco ma è come se li conoscessi...) del sito "Solo Bari",sempre generosi, genuini e passionali. Capìto perché una piazza come Bari andava restituita al grande calcio.

In serie B vi ho anticipato il colpo Cozza: conosco bene Ciccio, se il ragazzo ha voglia dopo una stagione difficile a Reggio Calabria diventerà il re di Salerno. Sarà il Totti di Brini, prenderà per mano tanti giovani (vi avevo detto dell'interesse concreto per Statella, Venitucci e Bianco) anche se va risolta la vicenda Merino prima che diventi un equivoco: il Portsmouth è in pressing, pronto ad offrire oltre quattro milioni, la Salernitana deve prendere una decisione definitiva e chiara verso i tifosi, verso che stiamo parlando di un idolo dell'Arechi. A proposito della Salernitana: strano che qualche cronista locale si preoccupi di smentire l'offerta per Merino, sarebbe stato più giusto non bucare la notizia quando hanno avuto Ciccio Cozza sotto gli occhi, con la nuova maglia e non se ne sono accorti accorgono (si chiama buco, ahi che dolore...). A occhio mi sembra che le tre retrocesse, soprattutto Reggina e Torino, partiranno con i favori del pronostico. A proposito di Reggina: oltre un mese fa vi avevo anticipato l'arrivo di Sergio Volpi, di sicuro un grande colpo, valore aggiunto in quella categoria. Per il resto, il mercato in B deve ancora decollare.

Arrivati alla considerevole cifra di 2836 (mentre scrivo questo pezzo...), qualcuno tra i tantissimi amici che hanno aderito al fan club mi chiede per quale motivo non risponda direttamente su Facebook ai numerosi quesiti che mi pongono. Rispondo: perché non posso, sono sempre al telefono, dall'alba a notte fonda. Se rispondessi a dieci persone su Facebook, non mi perdonerei il fatto di trascurare gli altri proprio per mancanza di tempo. E questo il mio ambasciatore all'estero Vincenzo Di Maso lo ha intuito prima degli altri e lo ringrazio per aver risposto. Proprio per questo motivo ho deciso di rispondere a tutti, quasi tutti, su Tuttomercatoweb, con la speranza che quando finirà il mercato ci inventeremo altre soluzioni. E' quasi una promessa. Intanto, grazie a Nicola Battista, Alessandro Ianniello (chi se non arrivasse De Ceglie a Napoli? Preferirei Pasqual, piuttosto che Modesto), Mattia De Fazio (Fabregas al posto di Pirlo? Magari, ma credo sia difficile...),Valerio Orefice, Francesco De Stasio (anche io avrei tenuto Paolucci alla Juve, ma se già non danno spazio a Giovinco...), Maurizio Petroni (credo nascerà una Triestina interessante, mi fido di De Falco), Giovanni D'Agostino (un Napoli da 4-3-3 se arriverà un altro attaccante importante), Andrea Sperduto (sul Milan spero di essere stato esauriente), Alessandro Barbarulo (Salerno è una di quelle piazze che meritano di lottare soltanto per la serie A), Francesco Pesce (anche secondo me la Sampdoria è un po' in ritardo,ma il mercato è lungo), Fabio Vecchio (la Samp frequenta poco il mercato sudamericano), Pasquale De Gregorio (sono ore decisive per il futuro dell'Avellino), Davide Ciullo (con Andrè Santos e D'Agostino il gap tra Juve e Inter sarebbe ridotto ma resterebbe), Edoardo Calderoni (l'Albinoleffe privilegerà i giovani, come sempre), Vincenzo Pignataro (certo che parlerò del Cosenza, un saluto alla famiglia Pagliuso), Saverio Tripodi (Foti compra, stai tranquillo: visto Volpi? Adesso gli attaccanti), Alex Pavan (trattenere Sgrigna a Vicenza sarebbe una bella base di partenza), Davide Laratro (al Foggia auguro le migliori fortune, non ho novità ma sinceramente l'ho seguito poco), Jaspo Marras (resto dell'idea che Ballardini, recente ospite di Sportitalia, sia un eccellente allenatore. Il mercato della Lazio potrà decollare soltanto dopo cinque-sei cessioni), Marcello Bighellini (Diamanti alla Samp? A me piace moltissimo,ma Spinelli non lo molla facilmente), Alessandro Auzino (mi piacerebbe molto Dzemaili come alternativa per il centrocampo del Napoli, molto più di Mudingayi), Giuseppe Montuori (mi hai fatto diventare rosso: non sono lo Special One, stimo Pavarese e spero che possa rialzare la Juve Stabia), Marco Bruttapasta (Lavezzi e Tevez sarebbero maggiormente compatibili con Ibra, ma Milito è un signor attaccante), Peppe Rega (Cozza a Salerno lo vedo benissimo), Giancarlo Formoso (non credo che il Milan darebbe Pirlo alla Juve anche in presenza di un'offerta), Italo Zecchillo, Saverio Ciro Cerello, Antonio Donvito, Filippo Mauri (che spinge per Robben al Milan), Augusto Rega, Marco Piscitelli (Setten imprevedibile, il Treviso non meritava di soffrire così), Andrea Ferretti (Falconieri per l'Ascoli lo vedo bene. Lupoli può esplodere anche se recentemente il suo manager non gli ha fatto un regalo, anzi, mandandolo in Inghilterra). La lista è lunghissima: grazie a Jacopo Marras, Federico Casarosa (sta arrivando Melo alla Juve, sei felice?), Francesco Masucci, Jacopo Marinelli, Alessandro Cucci, Carlo Kita Ranieri, Mario Garatti, Giuseppe Musella, Pasquale Cassano, Marco Racanelli, Marco Curti, Tobia Bassani (possibile che nessuno tra i tre da te citati vada al Milan: per Mexes a marzo c'era un mezzo impegno poi naufragato), Paolo Parisi (io credo che il Bologna farebbe bene ad avere prima una società all'altezza di una città competente e poi di pensare ai consulenti), Leonardo Lo Vecchio, Paolo Ruggiero, Ferdinando Melis, Pino Brillante, Antonio Ingenito (il doppio Napoli è intrigante, Papa lo lascerei dov'è), Alex Torre, Paolo Torazza, Emanuele Di Palma (Braglia in Prima Divisione è un allenatore che fa la differenza: in B un po'meno), Roberto De Giorgi (non ti drogare troppo di notizie...), Marco Tasso, Giorgio Carezzano, Karlo Evangelist, Nunzio Mele, Fede The Queen, Fabio Minelli, Riccardo Vernisi, Tony Operato, Lillo Marzullo (Delvecchio a Catania? Sarà motivato, le qualità non si discutono), Massimiliano Ranieri, Luigi Griffo, Luigi Manca (il Toro e Colantuono possono rinascere in coppia, le basi ci sono a patto che Cairo deleghi un po' di più), Luciano Congedo (alla fine il Lecce sarà competitivo, altrimenti De Canio non avrebbe accettato la conferma. I danni sono stati commessi nelle ultime due sessioni di mercato), Malo Congo (complimenti, hai costruito una Juve bellissima e quasi impossibile),Mirko Solinas (sono d'accordo su Paolucci e Marilungo, un po'meno su Foti),Antonio Di Siena, Giuseppe Belgianini, Matteo Poggi, Francesco Pepe, Federico Barbieri (il Mantova vuole prendere Iori ma deve fare ordine tra Caridi, Godeas e Corona), Donatello Quatraro, Cristiano Baldini e Pasquale Letizia (Berg eccellente talento, ma forse il Napoli cerca un talento con altre caratteristiche).