Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Orlando: ''Ha ragione Prandelli, attenzione al Debrecen''

Orlando: ''Ha ragione Prandelli, attenzione al Debrecen''
mercoledì 4 novembre 2009, 11:192009
di Redazione TMW.
fonte Violanews.com

Questa sera (ore 20.45) a Firenze si gioca Fiorentina-Debrecen e Violanews.com ha contattato in esclusiva l'ex viola (e attuale commentatore Dahlia TV) Massimo Orlando.

I tifosi dicono che la partita abbordabile è stasera, Prandelli ordina calma: chi ha ragione?
" (Ride) I tifosi hanno il diritto di non vedere ostacoli, mai. Prandelli è più prudente e fa bene ad esserlo. La gara col Debrecen non è difficile ma solo sulla carta, sono d'accordo con il tecnico viola che sostiene di non essere tranquillo. E non dimentichiamoci degli assenti, Jovetic e Frey sono sicuri, su Mutu ci sono molti dubbi: insomma, c'è da stare molto attenti".

La Champions è piena di sorprese, basta vedere cosa è successo al Barcellona contro il Rubin Kazan.
"Già, ci vuole sempre la massima concentrazione. Se la Fiorentina gioca come sa, allora non c'è storia: deve entrare in campo con una mentalità giusta".

Come all'andata?
"Sì, possibilmente solo nella fase offensiva! Una squadra simile a quella vista a Budapest consentirà alla Fiorentina di vincere, evitando ovviamente certi errori in difesa".

Di vincere e fare sogni di qualificazione...
"Sì, molto dipende da Lione-Liverpool. È una gara difficile per la squadra di Benitez, anche perché i reds non possono sbagliare. Al Lione al limite va bene anche un pareggio, io però temo una cosa".

Cosa?
"Le grandi squadre nelle difficoltà riescono a reagire e il Liverpool ci ha abituato a grandi rimonte e grandi partite dopo dei momenti di crisi. Fa parte della loro mentalità. E poi Benitez non ha bisogno di motivare i giocatori, la gara con il Lione ha sempre grande fascino".

Al Liverpool manca Gerrard e, forse, Torres.
"Non poco ma non mi fido del Liverpool".