Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Roma da combattimento

Roma da combattimento TUTTO mercato WEB
© foto di federico Gaetano
domenica 13 dicembre 2009, 23:452009
di Alessio De Silvestro

La Roma non molla mai e questo lo sapevamo, una Roma spuntata e anche questo è ormai da copione, quello che non ci aspettavamo era lo 0-0. La Roma di Marassi anche facendo una buona prestazione, pareggia all'arma bianca. Una squadra ben organizzata, che trova una buona Sampdoria, con un Cassano sugli scudi. La squadra di Ranieri, tiene bene il campo, ma non riesce ad essere pragmatica in zona Castellazzi. I giallorossi trovano poca lucidità sotto porta, anche per merito di Vucinic, che non vede la porta, tranne quando fa cose eccezionali, ma fuori dalla zona goal. La Roma parte subito forte, ma la Samp ribatte colpo, su colpo e con Bellucci e Cassano, mette in apprensione Julio Sergio. Alla mezz'ora i Doriani colgono anche un palo con Ziegle, ma la porta Capitolina si salva. Nel primo tempo al 40' minuto, anche un'azione da rivedere, dove Brighi, viene buttato giù in area e si pensa al rigore. Si va al riposo per un the caldo, ma ci si aspetta un bel secondo tempo. Le attese vengono ricompensate dagli interpreti in campo, che non vogliono il pari.

La Roma è vivace e la Samp si difende bene e con ordine. Perrotta al 61' minuto, sfiora la rete e la Samp arranca. Il momento positivo dei romani finisce nel nulla. Cassano sale in cattedra e la Roma offre il fianco al barese. Il freddo e la stanchezza prendono il posto della volontà di vincere e si va verso la fine della partita accontentandosi del punto. Vucinic all'84' minuto è stremato e lascia il posto a Baptista. Il Brasiliano non dà il cambio di passo voluto e la Roma soffre le ripartenze avversarie. Tempo di cambi per spezzare il ritmo avversario e al 90' minuto, fuori Taddei per Guberti e siamo ai titoli di coda. Finisce con un giusto pari, che premia questa Roma tosta e ordinata, manca ancora l'incisività nella fase offensiva, ma questa è una Roma che piace e questo ora può bastare.