Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Roma poco Gent-ile!

Roma poco Gent-ile!TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 31 luglio 2009, 09:402009
di Redazione TMW.
fonte Alessio De Silvestro

La Roma bussa sempre tre volte. In un'Olimpico dalle grandi occasioni, con un caldo da mare, la Roma passa 3-1 e buona la prima. La squadra di Spalletti in formazione rimaneggiata, mette una seria ipoteca sulla qualificazione. Il ritorno merita attenzione, ma contando su l'ottimo risultato dell'andata, si andrà tra una settimana in Belgio più sereni. Quel sereno variabile che è nel dna della Roma, che deve assolutamente andare avanti nell'Europa League, un po per blasone e molto per fattori economici. La Roma ha assolutamente bisogno di auto finanziarsi e fare mercato da qui al 31 Agosto e un'eliminazione dall'Europa sarebbe una catastrofe. Sarà quindi colpa della paura o del caldo tropicale, ma la Roma entra in campo impacciata e lenta. Una formazione schierata a sorpresa con centrali difensivi, Mexes e Riise e rinuncia di nuovo ad Andreolli, che a questo punto è definitivamente in partenza e qualcuno dice la Sampdoria sia interessata ad uno scambio con Lucchini. Tornando alla gara una manovra poco incisiva e un attacco con Okaka e Totti che non riesce a far bene. Uniche note liete, Motta e Guberti, l'esterno ex Bari sembra tarantolato e gia inserito negli schemi Spallettiani. Questa la foto dei primi 20 minuti.

All'improvviso, come un lampo a ciel sereno, il Gent passa addirittura in vantaggio con Mbaye e siamo al 23' minuto. Complice una difesa addormentato e un Artur improponibile, bisogna assolutamente cambiare registro e portiere. I Giallorossi si innervosiscono e Totti perde le staffe con il suo avversario diretto Duarte, che lo prende di mira infastidendolo e fermandolo in ogni maniera . Il primo tempo finisce con il timore che si assista nei secondi 45' minuti, ad una Roma frettoloso e confusionaria. Spalletti però deve aver fatto, complice il caldo, una bella lavata di testa ai suoi negli spogliatoi. La Roma del secondo tempo è la bella copia del primo, e gli stessi interpreti della prima frazione di gioco vanno a mille all'ora. Al 56' minuto, su punizione Totti, complice una deviazione di Mexes, pareggia 1-1. La Roma si scuote e al 72' minuto, sempre il Capitano su rigore fa il 2-1. Spalletti gioca la carta a sorpresa Vucinic e il Montenegrino all'85' minuto, dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo, infiamma lo stadio e sigla il definitivo 3-1. La partita finisce tra gli applausi più per il carattere che per la prestazione, ma il calcio d'estate è ricco di sorprese, e questa squadra visti gli attori in campo può solo migliorare.(Alessio De Silvestro)