Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Siena, Baroni: "Ci sono i presupposti per far bene"

Siena, Baroni: "Ci sono i presupposti per far bene"TUTTO mercato WEB
© foto di Giacomo Morini
domenica 1 novembre 2009, 20:462009
di Claudio Colla
fonte repubblica.it
"Giampaolo stava lavorando bene, purtroppo la squadra sta vivendo un momento di difficoltà mentale"

All'esordio da allenatore titolare su una panchina di Serie A, "bagnato" dal buon pareggio casalingo per 1-1 contro la Lazio, l'ex-difensore del Napoli del secondo Scudetto Marco Baroni, neo-tecnico del Siena subentrato a Marco Giampaolo, guarda con fiducia al prossimo futuro, nonostante la classifica ancora molto deficitaria, che vede la "Robur" ancora relegata all'ultimo posto con 6 punti in 11 partite: «Questo punto ottenuto è molto importante, un risultato positivo contro un avversario che, pur essendo attualmente in difficoltà, è certamente una grande squadra. Al tecnico che mi ha preceduto vanno tutta la mia stima e il mio rispetto: aveva continuato a lavorare bene fino a ora, la squadra purtroppo sta vivendo un momento di difficoltà a livello mentale, io finora ho operato un compito soprattutto di osservazione.

Al di là del risultato finale, quel che mi è piaciuto è stato l'approccio dei ragazzi in campo, mi ha fatto capire che ci sono dei presupposti validi per fare bene quest'anno». Interrogato sull'episodio dell'espulsione di Muslera successivamente ritirata, Baroni taglia corto evitando polemiche: «Non è il caso di soffermarsi sulle questioni arbitrali, pensiamo al calcio giocato e va bene così».