Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese, Di Natale: "Preferisco giocare a sinistra

Udinese, Di Natale: "Preferisco giocare a sinistraTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 21 agosto 2009, 15:502009
di Redazione TMW.
fonte udinese.blog

A fine allenamento, il Capitano Totò Di Natale si è messo a disposizione della stampa. Toni sempre pacati i suoi: nonostante i compagni e perfino il Paron cedano all'entusiasmo e si sbilancino in previsioni, lui mantiene prudentementeun profilo basso.

"L'entusiasmo che ci circonda fa piacere. Ed è giustificato: sono due anni che giochiamo assieme. Nelle ultime due stagioni si sono fatti 56/57 punti: logico che con un gruppo che è rimasto lo stesso si pensi a fare di più. Il campionato comunque è difficile, ci sarà da lottare".

Secondo Pozzo non siete inferiori a nessuno e alcuni di voi hanno pronosticato l'arrivo tra le prime cinque:
"E' partito solo Fabio. C'è solo da migliorare. Se facciamo 60/62 punti possiamo arrivare tra le prime cinque. L'importante è stare sempre concentrati, vivere ogni partita come una finale. Adesso si riparte da zero".

E' vero che la forza dell'Udinese è la compattezza?
"Certo, altrimenti non saremmo usciti così da quelle undici partite. Possiamo solo migliorare"

Da Capitano, come ti rivolgi ai nuovi?
"Questa è una famiglia, bisogna dar loro una mano affinchè si sentano tutti ben accetti".

Molti sono rimasti sorpresi da Romero. Tu?
"E' un ottimo giocatore, giovane e bravo. L'Udinese di solito acquista giovani di valore così: infatti anche quest'anno ce ne sono molti bravi e pronti a dare una mano".

Domenica vi troverete di fronte tre ex:
"Non mi interessa molto. Mi farà ripiacere vedere Zenoni, un bravissimo ragazzo, e Leonardi, ma noi andiamo in campo per far bene".

Via Quagliarella, sotto con Floro:
"Fabio è un giocatore in gamba, l'ha dimostrato anche qui. Ma questo è l'anno di Floro, può fare il salto di qualità".

Di Natale pronto?
"Ho recuperato bene dall'infortunio, grazie anche ai nostri dottori e adesso non vedo l'ora di scendere in campo".

La convocazione di Lippi?
"Il fatto che mi abbia chiamato quattro mesi dopo l'infortunio è dimostrazione di stima nei miei confronti e questo mi fa piacere. Adesso penso a fare bene nell'Udinese per convincerlo che posso essere utile agli azzurri"

Adesso giochi a sinistra, ma sei anche stato trequartista:
"Anche nell'Empoli di Baldini giocavo a sinistra, quello è il mio ruolo. Forse quando non ce la farò più, a fine carriera, farò il trequartista".

Cosa ne pensi del modulo 4-2-3-1?
"Se si sta bene come squadra si può fare. All'epoca di Galeone, contro l'Inter, giocammo così: fu la più bella partita".